100 Anni di jazz: I classici, la memoria, il futuro

49

Era il 26 febbraio del 1917, quando a New York una formazione di musicisti bianchi di New Orleans, la Original Dixieland Jass Band, incideva le due facce del primo disco di jazz della storia, Livery Stable Blues e Dixieland Jass Band One Step. Il 1917 è anche l’anno in cui, proprio nei giorni della dichiarazione di guerra, muore Scott Joplin. La quasi coincidenza fra l’incisione del primo disco della storia del jazz e la morte della figura prominente del ragtime finisce per risultare il simbolo di un passaggio d’epoca.

E per celebrare il centesimo anniversario, tre amanti del jazz, la cantante Maresa Galli, il violoncellista Luca Signorini ed il pianista e arrangiatore Bruno Persico, hanno deciso di dare vita a “Sketches of Swing”, un viaggio nella melodia dei maestri americani e brasiliani, tra swing e bossa nova. Il concerto in programma per venerdì 10 novembre, a partire dalle ore 19, al Museum Shop&Bar di Largo Corpo di Napoli, 3, vedrà l’esibizione dei tre artisti per un ensemble jazz, nel corso del quale sarà interpretato un ricchissimo repertorio di grandi classici in chiave moderna e personale. Da “Tenderly” a “All of me”, da “How Insensitive” a “The Man I love”, passando per “Snow” e altre composizioni originali che potranno essere apprezzate dagli appassionati di Gershwin, Gillespie, Rodgers, Parker e tanti altri maestri.