25 aprile, de Magistris: Mi emoziono nella città delle quattro giornate

55

“Io che faccio il sindaco di Napoli mi emoziono perché vedo come sono radicati in questa città i valori di libertà, fratellanza, uguaglianza e giustizia”. Lo ha detto Luigi de Magistris che ha partecipato alle cerimonie svoltesi al mausoleo di Posillipo e in piazza Carità in occasione del 25 aprile. “Oggi – ha ricordato – si celebra la Liberazione ma Napoli è arrivati prima degli americani con le IV giornate, dal 28 settembre all’1 ottobre 1943 con il suo popolo che si è liberato dall’esercito in quel momento più forte al mondo, quello nazista”. De Magistris ha parlato con i rappresentanti dell’associazione degli internati nei lager, dell’Anpi e un partigiano di 95 anni. “Questa – spiega – è la storia vivente che noi dobbiamo trasmettere ai nostri giovani. Mi hanno raccontato di quanto entusiasmo ci mettono a 90-95 anni ad andare nelle scuole. E questo è importante perché i programmi scolastici non sempre raccontano come si dovrebbe cosa è stato il ‘900, nelle cose positive e in quelle negative. Dobbiamo ricordare, mai come in questo momento dove c’e’ chi pensa ai campi di concentramento per omosessuali in Europa o chi considera io barconi della speranza come dei taxi del Mediterraneo”. Ora “c’è bisogno della testimonianza di veri uomini, che hanno lottato per la nostra libertà e quindi non ci si può non emozionare nella città delle Quattro giornate”.