25 aprile, Mattarella: “Ricordare senza odio né rancore”

32

– Ha voluto ricordare anche “i 5000 volontari della Brigata Ebraica, italiani e non, giunti dalla Palestina per combattere con il loro vessillo in Toscana e in Emilia-Romagna” il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, in occasione delle celebrazioni del 72° anniversario della Liberazione, si è recato a Carpi e, dopo aver deposto, in Piazza dei Martiri, una corona d’alloro al Monumento dei Caduti, ha preso parte alla cerimonia celebrativa al Teatro Comunale dal titolo “25 aprile: Festa della liberazione: tra la storia dei padri e il futuro dei figli”.

Il Capo dello Stato ha sottolineato come la Resistenza vada ricordata “senza odio né rancore, ma con partecipazione viva e convinta”. E ha poi aggiunto come “oggi, di fronte alla minaccia di un nemico insidioso e vile, che vorrebbe instaurare, attraverso atti di terrorismo, una condizione di paura, di dominio, di odio” ancora una volta rispondiamo “che noi non ci piegheremo alla loro violenza e che non prevarranno”.

Alla cerimonia, a cui erano presenti il sindaco di Carpi, Alberto Bellelli, e il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, sono intervenuti Germano Nicolini, già comandante partigiano e lo storico Adriano Prosperi, mentre gli studenti della Scuola G.Verdi hanno eseguito l’Inno Nazionale e “Bella ciao”.

Al termine il Presidente della Repubblica ha deposto una corona alla Stele che reca i nomi dei campi di concentramento, di sterminio e deportati in Europa al Museo Monumento al Deportato presso Palazzo dei Pio. Presenti oltre a Bonaccini e Bellelli, il presidente della Provincia di Modena, Carlo Muzzarelli, il presidente della Fondazione ex Campo Fossoli, Pierluigi Castagnetti, i sindaci della Provincia di Modena e numerose autorità locali.