“365 ma non li dimostra”, domani la presentazione dell’ultimo libro di Michele Serio

19

Come i mistici Sufi si esprimevano in prosa rimata durante i loro raduni, così Michele Serio presenta il suo nuovo libro “365 ma non li dimostra” (ed. Castelvecchi) utilizzando questo espediente letterario in chiave comico-satirica mai osato prima. Il libro è stato definito dalla critica “paragonabile a Berni e Pulci”.

La prima presentazione si terrà domani, venerdì 14 dicembre 2018, alle ore 18 presso lo spazio libreria Laterzagorà (Teatro Bellini – Via Conte di Ruvo 14, Napoli).

Con tono leggero e canzonatorio, Serio sembra dirci: dacci oggi il nostro spasso quotidiano, uno per ogni giorno dell’anno. E ci fa diventare suoi complici in un percorso utile a cercare un senso (o meglio un nonsense) alla nostra lotta quotidiana per conservare un briciolo di indipendenza intellettuale in un mondo appiattito dal conformismo e dal politicamente corretto.

Insieme all’autore interverranno Valerio Caprara (critico cinematografico) e Angelo Petrella (scrittore). Per un pomeriggio all’insegna dell’umorismo, del non conformismo e del libero pensiero.

Michele Serio vive e lavora a Napoli. Come autore teatrale ha messo in scena numerosi lavori, fra cui Fiaboplast, con il quale ha vinto il premio Stregatto. Fra i suoi tanti romanzi ricordiamo Pizzeria Inferno (Baldini & Castoldi, n.e. Homo Scrivens, con prefazione di Valerio Evangelisti); Nero Metropolitano (Baldini & Castoldi) e La dote (Flaccovio), tradotti in Francia, Spagna, Grecia e Germania. La sua più recente opera narrativa è Giù le mani dal Vesuvio (Centoautori), secondo capitolo della saga di Genny Scognamiglio, cominciata con San Gennaro Made in China (Centoautori). Ha scritto programmi per la radio e la televisione, sceneggiature cinematografiche e articoli per numerosi quotidiani e riviste.