A Londra la Startup Initiative di Intesa Sanpaolo dedicata alla circular economy

72
 
 
Si è tenuta oggi presso la filiale Hub di Londra di Intesa Sanpaolo la prima StartUp Initiative dedicata alla Circular Economy, ovvero a quel modello economico che punta a slegare la crescita dallo sfruttamento delle risorse naturali esauribili, contribuendo alla rigenerazione del capitale naturale a disposizione della società. 
L’evento è stato realizzato da Intesa Sanpaolo, da Circularity Capital e dalla Fondazione Ellen MacArthur in collaborazione con World Economic Forum. Obiettivo della manifestazione è stato quello di riunire le start-up più innovative dell’economia circolare, dalla finanza all’educational, con lo scopo di presentare alla comunità finanziaria nuove opportunità d’investimento e accelerare lo sviluppo per gli innovatori emergenti dell’economia circolare. 
Ad aprire i lavori della giornata sono stati Maurizio Montagnese, Chief Innovation Officer di Intesa Sanpaolo, e Jocelyn Blériot, Executive Officer della Fondazione Ellen MacArthur. A seguire due tavole rotonde – nel corso delle quali si è discusso della campagna d’investimenti volta ad accelerare la transizione verso l’economia circolare – alle quali hanno partecipato aziende, investitori ed esperti coinvolti e interessati dal fenomeno Circular Economy. 
Nella seconda parte della giornata si è tenuta la presentazione di 10 start-up “circolari”, tra le più promettenti del panorama internazionale, alla presenza di primari player e investitori dell’ecosistema europeo dell’Innovazione. 
“Il nostro Gruppo – ha commentato il chief innovation officer di Intesa Sanpaolo, Maurizio Montagnese – ritiene l’innovazione una delle leve fondamentali per lo sviluppo competitivo delle imprese clienti, per questo intendiamo cogliere la sfida della transizione verso la Circular Economy per orientare l’economia verso un percorso di innovazione. L’essere stato il primo gruppo bancario al mondo a diventare Global Partner della Fondazione Ellen MacArthur, testimonia la nostra attenzione verso il presidio dei grandi trend che cambieranno la nostra economia e la nostra società in un futuro non tanto lontano”.
 
 

Le dieci start-up
  • Agroils, produttore di biocarburanti, biomateriali e molecole di interesse farmaceutico da colture non alimentari
  • Bid to Trip, il primo sito di aste che permette di vincere viaggi di lusso invenduti in tutto il mondo
  • Desolenator, utilizzo di energia solare per purificare l’acqua da qualsiasi fonte, compresa l’acqua di mare
  • ECOR, alternativa forte, versatile e sostenibile a materiali come legno, compositi, alluminio e plastica ricavati da cellulosa riciclata
  • Open Desk, soluzioni di design di mobili da scaricare online e da costruire in casa OSVehicle, prima piattaforma hardware open source per la produzione veicoli
  • Ooho, contenitore commestibile a base di alghe per l’acqua da bere
Personal Factory, produzione al dettaglio di materiale in polvere per la costruzione, in
  • meno di 6m2
  • Provenance, App che aiuta le aziende a provare la tracciabilità e la trasparenza della propria catena distributiva
  • Stuffstr, App che fornisce indicazioni dei luoghi dove poter riutilizzare o riciclare le proprie cose