A Roma il capodanno elettronico è con Triskell festival: tre giorni di dj set e arte

16

Roma, 28 dic. (AdnKronos) – Capodanno all’insegna della musica elettronica e delle arti contemporanee al Circolo degli Illuminati di Roma con la seconda edizione di Triskell Electronic & Arts: dal 30 dicembre al primo gennaio, a partire dalle 23 di ogni sera, il festival proporrà tre nottate di musica e arti visive grazie ai dj set e alle performance live di nomi del circuito house e techno internazionali.

Si aggiungono anche i talenti locali e nazionali, per un crocevia di generi che arriva al trip hop, dub, funk e afrojazz. La parte visiva è affidata ai giovani designers internazionali Motorefisico. Per l’occasione realizzeranno, nel locale di via di Libetta 1, un allestimento scenografico che include spettacoli all’avanguardia con proiezioni in 3D e giochi di luce avveniristici.

La manifestazione comincerà sabato 30 dicembre con Matthias Tanzmann, uno dei deejay più autorevoli nella musica deep house e tech house. Il suo successo è legato soprattutto alle attività con l’etichetta Moon Harbour Recordings e per essere uno dei resident del celebre party Circoloco. Insieme al deejay tedesco nella sala principale si esibirà Sawe, giovane promessa classe 1993, con set che si articolano tra house, electro e la techno nelle forme più melodiche e smussate.

Negli spazi esterni del Circolo degli Illuminati si esibiranno invece i nuovi volti dell’elettronica live romana a cominciare da Swoosh, capofila di questo movimento, per continuare con Sinnerman, un duo che mette sul palco un computer e un contrabbasso creando un ponte tra jazz afrobeat, funk e incontrano la musica elettronica. In apertura i Weaving Dust con un sound che spazia dalla sperimentale, alla dub e al trip hop.

Per la notte di San Silvestro invece, ci sarà una vera e propria maratona musicale che partirà a mezzanotte e proseguirà fino alle 10 del mattino, con alcuni fra i deejay più identificativi per la proposta musicale del Circolo Degli Illuminati. C’è molta attesa per la leggenda techno slovena Valentino Kanzyani, famoso per realizzare set virtuosi utilizzando talvolta 3 consolle diverse.

E ancora Andrey Pushkarev, un’ eminenza per l’elettronica made in Russia, che sa miscelare con grande classe e fluidità house e techno nelle loro accezioni più ricercate e riflessive. Ultima stella della seconda giornata di Triskell Electronic è Dana Ruh, maestra assoluta del genere deep house e da anni impegnata in un viaggio di ricerca sonora costante. La tedesca con la sua residency al Club Der Visionare, si è affermata come una delle deejay più influenti della scena berlinese.

Nel secondo palco, spazio ai set estesi dei deejay Akyra e Ceparu. Il primo in armonia con le sue origini partenopee predilige un repertorio più house più melodico e legato al funky, Ceparu invece offre un’elettronica elegante che unisce tracce distese a ritmi serrati.

La terza e ultima giornata di Triskell Electronic & Arts, il primo gennaio, avrà come ospite principale Paul Ritch, uno dei deejay francesi in maggiore ascesa negli ultimi anni. A rappresentare l’Italia ci saranno il resident deejay del party Minù Demi James, con i suoi set equilibrati e sempre ben ponderati, e nello spazio garden Dj Rou, Stefano Cattivera e D’Arabia con le loro selezioni incendiarie a metà tra house e disco.