Accoglienza minori stranieri: gara da 11,8 mln

23

Uno stanziamento complessivo di 11,8 milioni di euro (di cui 10,6 di quota comunitaria e il resto di quota nazionale) per sostenere interventi capaci di migliorare le capacità di accoglienza sul Uno stanziamento complessivo di 11,8 milioni di euro (di cui 10,6 di quota comunitaria e il resto di quota nazionale) per sostenere interventi capaci di migliorare le capacità di accoglienza sul territorio italiano dei minori stranieri non accompagnati. Il ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione – ha pubblicato il bando per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020 – assistenza emergenziale. Le domande possono essere presentate esclusivamente attraverso il sito internet predisposto dal ministero (https://accoglienzamsna.dlci.interno.it) entro le ore 18 del prossimo 30 gennaio. Beneficiari L’avviso riguarda i minori stranieri non accompagnati – ovvero i cittadini di Paesi terzi o apolidi di età inferiore a 18 anni che entrano nel territorio degli Stati membri dell’Unione europea senza essere accompagnati da una persona adulta o responsabile per essi o i minori che vengono lasciati senza accompagnamento una volta entrati nel territorio di uno degli Stati membri – che giungono nel territorio nazionale a seguito di eventi di sbarco. Obiettivo dell’avviso è realizzare attività di accoglienza temporanea di minori stranieri non accompagnati (800 posti giornalieri) in strutture ad alta specializzazione equamente distribuite sul territorio nazionale (massimo 2 per regione). Nei centri dovranno essere complessivamente garantiti servizi di ospitalità per un breve periodo al fine di assicurare l’accoglienza di 2.400 minori stranieri non accompagnati e l’erogazione di circa 217.600 giornate di accoglienza complessive nel periodo 16 febbraio 2015 – 15 novembre 2015. Chi può partecipare I progetti possono essere presentati da enti locali (Regioni e Province autonome o loro singole articolazioni dotate di autonomia finanziaria), enti pubblici, fondazioni, associazioni e onlus, cooperative, consorzi (tutti operanti nel settore di riferimento). I soggetti possono partecipare in forma singola o associata: sono ammesse tutte le forme di partenariato, raggruppamento o consorzio fino a un massimo di 5 partner in aggiunta al capofila. Ogni progetto dovrà garantire la disponibilità di 50 posti giornalieri, con l’erogazione di circa 13.600 giornate di accoglienza complessive, a favore di almeno 150 minori. L’accoglienza dovrà essere garantita per un periodo non superiore ai 60 giorni prorogabile fino a 90 in casi eccezionali, all’interno di una o più strutture rispondenti a specifici parametri di carattere infrastrutturale e di qualità dei servizi offerti. All’interno di ciascuna proposta dovranno essere previsti team multidisciplinari costituiti da esperti del settore.


Risorse complessive 11,8 milioni di euro Chi può partecipare Enti locali (Regioni e Province autonome o loro articolazioni) enti pubblici fondazioni associazioni e onlus cooperative consorzi Scadenza 30 gennaio 2015