Accordo Bei-UniCredit: 700 milioni per le imprese italiane

58

Banca Europea per gli Investimenti (Bei) e Unicredit hanno firmato quattro nuove linee di finanziamento destinate alle imprese italiane dei settori produttivi e dei servizi, per un ammontare complessivo di 670 milioni di euro cui si aggiungerà un plafond da 30 milioni di euro specifico per la Regione Lazio.

UniCredit si impegna a erogare altrettanti fondi a medio termine, sempre destinati a Pmi e Mid-Cap, portando a un miliardo e 400 milioni  di euro le risorse complessivamente a disposizione del sistema produttivo italiano.

Le quattro linee di finanziamento sono così articolate: 300 milioni saranno destinati alle imprese con un organico fino a 250 dipendenti (PMI) per finanziare investimenti in beni materiali e immateriali, ovvero in capitale circolante. I progetti finanziabili non potranno superare l’importo di 25 milioni, con la possibilità per le imprese di accedere anche alla garanzia del Fondo Centrale. 200 milioni saranno destinati alle imprese fino a 3.000 dipendenti (Mid-Cap) per realizzare investimenti materiali e immateriali e finanziare capitale circolante (tale linea vedrà la partecipazione anche di UniCredit Leasing). In questo caso gli investimenti finanziati non potranno superare i 50 milioni di euro. 100 milioni di euro saranno destinati alle imprese agricole e dei settori correlati (tra i quali anche agroindustria), di piccole e medie dimensioni, per investimenti materiali e immateriali, ovvero per finanziare il circolante. I finanziamenti con fondi Bei per investimenti immobiliari agroindustriali e agroturistici, di risparmio energetico e/o ambientali potranno avere una durata compresa tra due e quindici anni. 70 milioni saranno dedicati alla innovativa linea di Mini bond, destinata alle Pmi in forma societaria di Spa, Srl o Società Cooperative con sede legale nel territorio italiano, con le seguenti caratteristiche: non siano quotate; non versino in situazione di difficoltà; eseguano investimenti materiali e immateriali, ovvero finanzino il capitale circolante per esigenze di liquidità strettamente e oggettivamente riconducibili agli investimenti (consulenze, simulazioni, studi, brevetti, ecc.). Le imprese potranno accedere alla garanzia di portafoglio del Fondo di Garanzia

E’ prevista inoltre a breve la stipula di un’ulteriore linea di 30 milioni destinata al supporto degli investimenti delle Pmi e Mid-Cap della Regione Lazio.

Gli accordi siglati oggi testimoniano l’impegno di BEI e Unicredit a sostegno dell’economia italiana, confermando il trend crescente dell’impiego a da parte di UniCredit dei fondi della Banca dell’Unione europea a beneficio delle imprese, con un impegno che è andato crescendo negli ultimi anni passando da circa 700 milioni di euro del 2014 a 1 miliardo di euro del 2015.