Acqua, sventato lo “scippo” di Caposele: esultano De Luca e Verdi

61

“Abbiamo sventato il colpo di mano e voglio ringraziare i ministri De Vincenti e Finocchiaro e i parlamentari campani. E’ stato evitato alla Camera uno stravolgimento del testo approvato dal Senato in materia di gestione delle risorse idriche. E’ stata mantenuta un’impostazione equilibrata sulla rappresentanza delle Regioni in seno alla costituenda società pubblica d’iniziativa governativa che dovrà occuparsi di gestione delle grandi reti idriche interregionali che riguardano i territori di Campania, Puglia e Basilicata”. E’ quanto si legge in una nota del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. “Attendiamo la piena operatività della norma e le proposte applicative che verranno dal governo, a partire dallo Statuto e piano strategico che dovrà perseguire il nuovo Ente – aggiunge – . Ci attendiamo che tali proposte rispettino le legittime prerogative della Campania nel campo della captazione e gestione delle risorse idriche presenti nel nostro territorio, per consentirci di fornire il nostro contributo nell’interesse delle popolazioni campane ed in un quadro di leale cooperazione istituzionale”, conclude.
“Una cosa è la solidarietà e quindi è giusto continuare a far sì che quelle sorgenti portino acqua anche in altre regioni, ma ben altra cosa sarebbe affidarne la gestione all’Acquedotto pugliese” commentano i Verdi con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e Pellegrino Palmieri, portavoce del Sole che ride avellinese per i quali “in questa vicenda, alla fine, ha vinto il buon senso”.