Ad Alfonso Vitiello riconoscimento dall’ambasciatore del Giappone: ha favorito le relazioni tra i due Paesi

115
in foto Alfonso Vitiello
Alfonso Vitiello, presidente della D’Elia Company, ottiene un riconoscimento ufficiale dall’Ambasciatore del Giappone in Italia, Oe Hiroshi, per aver contribuito “alla reciproca comprensione e alle relazioni di amicizia tra Giappone e Italia, nell’ambito dell’imprenditoria, dell’artigianato e della divulgazione delle informazioni”. La cerimonia di consegna dell’attestato si è svolto lo scorso lunedì 4 luglio presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.
In foto l’Ambasciatore Oe (con la moglie) premia Alfonso Vitiello
Alfonso Vitiello, oltre ad aver stretto, grazie alla propria attività, profonde relazioni di amicizia con aziende di gioielleria giapponese che si occupano della lavorazione delle perle, e ad acquistare dal Giappone perle di qualità “Hanadama”, materia prima per gli articoli della propria azienda, ha allargato il suo mercato con prodotti cui si applicano tecniche artigianali giapponesi tradizionali quali il maki-e (pittura in lacca che utilizza polveri metalliche), contribuendo ampiamente a diffondere in Italia il fascino della manifattura giapponese. Si dedica inoltre attivamente alla divulgazione di notizie sul Giappone, scrivendo numerosi pezzi sul tema nel suo blog “Cronache d’Oriente” per la testata online ildenaro.it. 
foto di gruppo presso l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
“Quello odierno – ha commentato Vitiello nel ricevere l’attestato. – rappresenta un riconoscimento che non riguarda soltanto me, ma tutti miei predecessori che hanno tramandato di generazione in generazione l’artigianato tradizionale, e rende omaggio all’intero territorio di Torre del Greco”.
Il riconoscimento del capo missione delle rappresentanze diplomatiche del Giappone all’estero viene conferito dall’ambasciatore o dal Console Generale nei vari Paesi o territori di competenza per rendere merito a quanti, singoli o associazioni, si siano distinti per il notevole contributo alle relazioni con il Giappone.