Addio a Brad Johnson. L’attore diretto da Spielberg in Always aveva 62 anni

323
in foto Brad Johnson in una scena di Always

L’attore statunitense Brad Johnson, che dopo una breve carriera da cowboy da rodeo e da “Marlboro Man” sfondò al cinema al fianco di Holly Hunter e Richard Dreyfuss nel dramma romantico “Always – Per sempre” (1989) di Steven Spielberg, è morto all’età di 62 anni a Fort Worth, in Texas. Johnson si è spento il 18 febbraio scorso per le complicazioni dovute alla Covid, come ha dichiarato la sua agente, Linda McAlister, a “The Hollywood Reporter”, che solo ora, dopo oltre tre mesi e mezzo, ha diffuso la notizia della scomparsa. Per il regista John Milius, Johnson ha interpretato un pilota bombardiere in “L’ultimo attacco” (1991) e Henry Nash, uno degli uomini sotto il comando di Teddy Roosevelt, nella miniserie “Rough Riders” (1997) con Tom Berenger. Johnson ha interpretato il ruolo del pediatra Dominick O’Malley, che ha una relazione con Jo Reynolds (Daphne Zuniga) nella serie tv “Melrose Place” (199&), e quello del maggiore Matthew Quentin Shepherd nella serie d’avventura “Gli specialisti” (1997-99). Johnson ha anche interpretato il personaggio principale nella miniserie del 1993 “Ned Blessing: The Story of My Life and Times”. Figlio di un addestratore di cavalli, Brad William Johnson era nato il 24 ottobre 1959 a Tucson, in Arizona. Nel 1984 entrò a far parte del circuito dei rodei professionali e venne notato a lottare con i manzi nel Wyoming da un direttore del casting che cercava cowboy per una pubblicità di birra. Johnson ha poi lavorato come “Marlboro Man” per il marchio di sigarette e in diverse pubblicità di Calvin Klein prima di approdare a Hollywood.