Addio al fotografo Giovanni Gastel. Nel 2019 Napoli lo celebrò con una mostra al Blu di Prussia

128
in foto Giovanni Gastel

di Maria Carla Tartarone Realfonzo

E’ morto , a causa di questa devastante infezione che ci perseguita, Giovanni Gastel, ancor giovane. L’artista era nato nel 1955 a Milano, da Giuseppe Gastel e da Ida Visconti di Modrone, ultimo di sette figli, nipote di Luchino Visconti che gli raccomandava “concentrazione assoluta e studio molto studio”. Giovanissimo si avvicinò al mondo della moda femminile ed iniziò a lavorare, molto attivo nel mondo delle riviste pubblicitarie nel 1975, quando fu assunto dalla Casa d’Aste Cristie. Nel 1977 la Triennale di Milano gli dedicò una Personale curata da Germano Celant. Fu da allora richiesto in tutte le riviste più importanti nel mondo. Nel 2002 gli fu attribuito l’Oscar per la Fotografia che lo condusse a divenire presidente dell’Associazione Fotografi Italiani Professionisti e membro permanente del Museo Polaroid di Chicago. A Napoli portò in mostra, con “Selected works”, molte sue fotografie in bianco e nero e a colori nella Galleria “Al Blu di Prussia” nel novembre 2019,a cura della storica Maria Savarese festeggiato allegramente divertendosi che lo paragonassi a Salvador Dalì nel suo atteggiarsi. La sua attività sempre presente e brillante ce lo ricorda.