Aeffe lancia la nuova etichetta “Birra Margherita”

229

“E’ il momento delle birre artigianali italiane finalmente, ma – nonostante il trend positivo delle vendite – la cultura brassicola ha ancora molta strada da fare. Se non ci si appassiona particolarmente, gli stili, le cotte e le classificazioni possono restare ostacoli insormontabili ad un approccio più semplice e diretto a questo prodotto”. Ne sono convinti Arturo Spinelli e Ferdinando Di Landro, patron del Birrificio Artigianale Aeffe di Castel San Giorgio (Salerno), che hanno appena lanciato sul mercato il nuovo marchio “Birra Margherita”.
“E’ nata pensando alla pizza per eccellenza ed alla necessità di semplificare la difficoltà dell’abbinamento per consumatori meno esperti. Quando parliamo tra di noi può sembrare facile, ma non tutti hanno voglia e tempo di approfondire, e non per questo sono destinati ad una birra industriale – spiegano -. Birra Margherita richiama inequivocabilmente la sua compagna e si apre al segmento delle pizzerie, sempre più attente alla qualità ma non sempre attente alle birre in carta. L’idea era creare un prodotto semplice ma non banale, che avesse un ottimo rapporto qualità prezzo”.
Realizzata esclusivamente in bottiglie da 0,50 cl Birra Margherita diventa la porta d’ingresso per il mondo delle birre artigianali Aeffe.
Dal 2007 sono stati tanti i prodotti che hanno visto i natali negli spazi produttivi Aeffe, dieci le etichette della casa e decine quelle realizzate per le beer firm.