Aerospazio, il consigliere di Giorgetti in visita al Dac

65
In foto, da sinistra, Luigi Carrino, Stefano Gualandris, Gianni Lettieri

“Ho avuto la riconferma che la Campania è un territorio fortemente competitivo nel settore dell’industria dell’aerospazio, nonostante la politica nazionale e regionale negli anni sia stata miope sui temi dello sviluppo industriale e della ricerca. Non si è fatto abbastanza, ad esempio, nell’utilizzo degli strumenti finanziari a supporto del settore”, così Stefano Gualandris, consigliere giuridico economico del sottosegretario di Stato, Giancarlo Giorgetti, nel corso del tour svoltosi oggi tra le imprese campane del Dac, Distretto Aerospaziale della Campania. Il Consigliere, in particolare, ha partecipato ad un tavolo di confronto informale con il cda del Dac, guidato da Luigi Carrino, durante il quale sono state presentate le caratteristiche del comparto in Campania, la sua compagine e le potenzialità, e sono stati illustrati i principali progetti su cui i soci stanno lavorando. Il delegato del Governo per l’aerospazio ha visitato poi alcune delle principali realtà del Distretto tra cui Atitech, Protom, Ala eGenev.
“Questo Governo – continua Gualandris– ha inaugurato un metodo nuovo. Per la prima volta abbiamo invertito un trend precedentemente consolidato: le realtà locali con il loro bagaglio di competenze ed eccellenze sono state messe in primo piano, attraverso i Distretti, a rappresentare i territori. È proprio dalle imprese e dai territori che abbiamo deciso di partire per avere una fotografia dettagliata del settore. Quello di oggi rappresenta, quindi, un incontro conoscitivo informale, propedeutico ad altri incontri che prevederanno anche la presenza del sottosegretario Giorgetti. L’obiettivo è di portare le istanze emerse in un tavolo governativo di coordinamento centrale, per inaugurare un nuovo modello di governance che preveda sinergie di collaborazione tra centri di ricerca, le pubbliche amministrazioni e le aziende”.
“In tale contesto – aggiunge il Consigliere- centrale è il ruolo svolto dai Distretti. L’invito è quello di fare matching per presentare una filiera di eccellenza nazionale all’estero nella quale la supply chain, soprattutto le piccole e medie imprese, possano esprimere tutto il loro potenziale ed aprirsi all’export. Siamo investendo fortemente per creare sinergie internazionali ed esprimere pienamente la nostra competenza nel settore. Puntiamo alla massima apertura verso i Paesi esteri, senza sudditanza. Vogliamo che l’Italia abbia il ruolo che gli spetta, quello di player, al centro del mercato globale”.
E sui finanziamenti del Governo al settore dell’Aerospazio il consigliere Gualandris sostiene: “Nell’attuale momento di piena discussione della Legge finanziaria non possiamo sbilanciarci, ma garantiamo l’impegno a reperire e recuperare quante più risorse possibile”.
“L’incontro di oggi è stato estremamente proficuo- commenta Luigi Carrino, presidente del Dac – Il consigliere ha espresso apprezzamento per il modello di sviluppo e di governance adottato dal Distretto, che mette al centro le esigenze delle imprese. Condividiamo fortemente la massima apertura verso l’estero alla quale dobbiamo puntare come rete dei Distretti, rappresentando il sistema Paese”.
“Qui in Campania abbiamo strutturato una strategia con la quale intendiamo costruire un futuro sostenibile per il comparto – continua Carrino – in coerenza con i programmi regionali, nazionali ed europei e valutando l’intersezione e le interazioni possibili con progetti e proposte esistenti. I risultati fin qui raggiunti testimoniano il valore della qualità progettuale che il Distretto ha saputo mettere in campo. I progetti approvati, infatti, sul totale di quelli presentati e valutati con successo, hanno una percentuale dell’87.5%. Anche la reputazione di cui gode il Dac a livello europeo, nell’ambito del Cluster internazionale per l’aerospazio, è molto alta. E’ un risultato che premia il lavoro di squadra, le competenze professionali ed il know how specialistico”.