Aerospazio, Di Maio su Fb: L’esperimento ReAdi-FP fa grande l’Italia e la Campania

138
in foto Luigi Di Maio (Imagoeconomica)

“L’esperimento ReAdi-Fp fa grande l’Italia e la Campania”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio pubblicando una foto della capsula cargo Dragon di SpaceX nelle fasi finali di avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale, “illuminata in quel momento con le tinte del nostro Tricolore”. “La capsula trasporta l’esperimento, tutto italiano, “ReADI-FP”, realizzato nei laboratori della società consortile di Napoli ALI Aerospace Laboratory for Innovative components Scarl”, spiega il ministro. “Ieri è arrivata la conferma ufficiale che l’esperimento è entrato in fase operativa e permetterà di studiare il problema dell’osteoporosi degli astronauti, consentendo il miglioramento delle terapie osteoporotiche qui sulla Terra”. “Il progetto è stato anche ingegnerizzato da Ali, dalla storica società spaziale Marscenter e ideato dal team guidato dal professor Geppino Falco del dipartimento di Biologia applicata dell’Università napoletana Federico II. I miei complimenti a quanti hanno reso possibile questo risultato che fa grande l’Italia e la Campania. Continuiamo così!”, conclude Di Maio.

La missione
Ridurre gli effetti dell’artrite e individuare i migliori materiali per gli interventi di ricostruzione ossea è l’obiettivo dell’esperimento. L’osteoporosi è una patologia molto comune dovuta al deterioramento del tessuto osseo e già vari esperimenti hanno dimostrato che l’assenza di gravità è un ambiente particolarmente vantaggioso per comprenderne meglio i meccanismi. Obiettivo di Reducing arthritis dependent inflammation First phase (ReADI Fp) sarà in particolare quello di analizzare gli effetti della microgravità e delle radiazioni spaziali sulla crescita del tessuto osseo e verificare se alcune molecole, tra cui antiossidanti estratti dalle vinacce di Aglianico, potrebbero proteggere le ossa durante il volo spaziale. I risultati potrebbe migliorare la comprensione dei meccanismi che causano la perdita ossea e identificare potenziali contromisure ai tanti pazienti che soffrono di problemi di osteoporosi. L’esperimento è arrivato sulla Iss con l’ultimo cargo Dragon – che durante le fasi di avvicinamento alla Iss attiva le tipiche luci di navigazione rosse e verdi utilizzate da tutti e velivoli – con a bordo oltre 2 tonnellate di materiali.