Aerospazio, la Regione stanzia 20 milioni di euro per la ricerca in Campania

107

La Regione Campania programma 20 milioni di euro per la ricerca aerospaziale. La Giunta regionale ha deliberato due interventi che supportano le traiettorie tecnologiche più avanzate in ambito spaziale per offrire al sistema delle imprese locali una opportunità di crescita e sviluppo avanzato, accrescere la dimensione tecnologica degli investimenti nelle attività industriali ritenute d’importanza strategica per la competitività del sistema regione inteso anche come capitale umano d’eccellenza. La Regione parteciperà con uno stanziamento di 16 milioni di euro al Programma di cooperazione ​m​ultiregionale (P​mr) del piano strategico nazionale della ​s​pace ​e​conomy, finalizzato a sostenere progetti di ricerca e sviluppo da parte delle imprese regionali impegnate nello sviluppo di applicazioni​-​tecnologie, servizi e prodotti innovativi nei campi dell’​o​sservazione della Terra, della ​n​avigazione​-comunicazione satellitare e dell’esplorazione spaziale.
La Regione investe inoltre 4 milioni di euro nel progetto Micromed, il quale prevede che una tecnologia particolarmente innovativa, sviluppata da ricercatori campani, sia utilizzata nella “Missione Spaziale Exomars”, prevista per il 2020,​ con obiettivo l’invio di una sonda su Marte. La presenza di una tecnologia made in Campania è stata assicurata dopo che i ricercatori campani hanno vinto una selezione internazionale che ha visto come competitori i più affermati centri di ricerca. Il progetto M​micromed è promosso dall’Inaf (Istituto ​n​azionale di ​a​strofisica​)​ e dall’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, e rientra nel più ampio intervento​,​ coordinato dall’Agenzia Spaziale Italiana​,​ che vede​ l’Italia partner fondamentale della Missione Exomars.​ “Il valore scientifico, industriale e politico di questi due interventi è altissimo”, dichiara il governatore campano Vincenzo De Luca, che parla di “un investimento per le imprese campane, per la comunità scientifica e soprattutto per i nostri migliori ricercatori che potranno essere protagonisti, – rimanendo qui in Campania, di una delle sfide scientifiche più appassionanti, quella della conquista di Marte. Un’azione che rimarca l’impegno della Regione Campania nelle politiche di contrasto alla fuga dei talenti, dimostrando ai giovani che crediamo nelle loro capacità e che la ricerca di eccellenza si fa anche in Campania”.​ ​