Afghanistan, la diplomazia fa il punto sullo stato dei rapporti con l’Italia

71
In foto Helena Malikyar

In una intervista su Notizie Geopolitiche on line , Giuliano Bifolchi ha chiesto all’ Ambasciatore dell‘Afghanistan Helena Malikyar di tastare il polso geopolitico della diplomazia tra i due Paesi : “ Nel mese di gennaio il ministro italiano della difesa Lorenzo Guerini ha effettuato una visita ufficiale in Afghanistan confermando l’impegno dell’Italia nel sostenere le operazioni della NATO. Quali sono le relazioni tra Italia e Afghanistan in termini di diplomazia e cooperazione?
“Le relazioni diplomatiche tra Afghanistan e Italia sono iniziate ufficialmente nel 1921 e la prima ambasciata afhgana in Italia è stata aperta nel 1923 nello stesso edificio in cui siamo oggi. L’Italia fu la prima potenza occidentale a riconoscere l’indipendenza dell’Afghanistan dagli inglesi nel 1919. La prima tappa di re Amanullah Khan nel suo grande tour europeo nel 1927-28 fu Roma.
Dal 2001 l’Italia, in quanto membro della NATO e dell’Unione Europea ma anche bilateralmente, ha dato un grande sostegno al nostro paese e credo che l’Afghanistan sia il maggiore destinatario di aiuti esteri da parte del governo italiano. Ci sono più di 800 truppe italiane nella provincia di Herat coinvolte nell’addestramento e nella guida delle forze di sicurezza afgane.
Ci sono inoltre anche molte organizzazioni non governative (ONG) italiane in Afghanistan e la più importante è Emergency che ha costruito e gestisce due ospedali di emergenza, principalmente al servizio delle persone ferite dagli attacchi suicidi e dal campo di battaglia.
Allo stesso tempo l’Italia è uno dei paesi che sostiene maggiormente i valori costituzioni afghani, il sistema democratico, la difesa delle donne e delle minoranze e i diritti umani”.