Agenzia per le politiche attive del lavoro, bilancio 2017: 190mila assunzioni al Sud

122

Circa 190mila posti di lavoro in Italia: oltre 120 mila al Sud, il 95% con contratti stabili, e quasi 70mila per i giovani su scala nazionale. E’ questo il risultato dei due programmi Occupazione Sud (530 mln di euro) e Occupazione giovani (200 mln) messi in campo dall’Anpal nel quadro delle politiche attive per l’occupazione. Secondo i dati diffusi dall’Agenzia per le politiche attive del Lavoro guidata da Maurizio Del Conte, al 31 dicembre 2017 sono state presentate 168.792 domande con il programma Occupazione Sud, delle quali ne sono state confermate 121.920 (72,2%), + 7,4% su base mensile. Quanto ai giovani nel corso del 2017 sono state presentate 102.796 domande, di queste 67.130 (65,3%) risultano confermate con un incremento di 6.182 unità (+10,1%) rispetto al mese precedente. Dati alla mano, attraverso il programma Occupazione Sud, il 72,3% dei contratti sottoscritti (pari a 88.200 assunzioni) è a tempo indeterminato; un ulteriore 22,5% (pari a 27.451 assunzioni) riguarda trasformazioni di precedenti contratti a termine; mentre il restante 5,1% (pari a 6.269 assunzioni) sono contratti di apprendistato. Il 93,3% delle domande confermate si concentra nelle Regioni meno sviluppate, Campania al primo posto, a seguire Sicilia e Puglia. I destinatari dell’incentivo sono in prevalenza uomini con un’età media all’assunzione più alta di quella femminile (36,8 anni contro 34,2 anni per le donne). “Della misura hanno beneficiato soprattutto i disoccupati di lunga durata, più vulnerabili e per i quali man mano che passa il tempo trovare un’occupazione diventa sempre più difficile, siamo felici di questo risultato”, dice all’Adnkronos Maurizio Del Conte.