Agenzie di viaggio, sos al ministro Garavaglia: Aiuti insufficienti e difficoltà di accesso al credito

155
in foto Severino Nappi e il ministro Massimo Garavaglia

Proficuo meeting promosso da Severino Nappi, consigliere Regione Campania per la Lega, lo scorso week-end all’NH Hotel di Napoli nel segno della ripresa del Turismo, tra il ministro del Turismo Garavaglia e le associazioni di categoria del comparto turistico. Tra i partecipanti all’incontro: Gianluca Albano (Viaggidelvesuvio), coordinatore dell’associazione AdvUnite e Aidit Campania e il vice presidente di AdVunite Vincenzo del Bravo, unici rappresentanti del mondo delle agenzie di viaggi. “L’incontro – ha detto Albano – ci ha permesso di sottoporre all’attenzione del ministro Garavaglia tutte le nostre istanze. In primis abbiamo sottolineato la scomparsa all’orizzonte della seconda tranche del fondo perduto previsto dal Governo, sottolineando che fino ad oggi gli aiuti concessi attraverso il credito d’imposta e gli ammortizzatori sociali si sono rilevati del tutto inadeguati a fronteggiare i gravissimi danni provocati dalla pandemia”. “Inoltre – ha proseguito Albano – è stato rimarcato che per le agenzie di viaggi in dissesto economico, l’accesso al credito è assolutamente improponibile in quanto si tratta di piccole realtà aziendali che hanno un merito creditizio bassissimo. Abbiamo quindi auspicato l’apertura dei corridoi turistici per la ripartenza dei viaggi attraverso un piano vaccinale per tutto il comparto turistico e segnalato il comportamento delle compagnie aeree (in particolare delle low cost tipo easyJet e Ryanair) che agiscono senza alcun codice etico nei confronti delle agenzie di viaggio, che dunque devono essere tutelate in toto anche nel loro rapporto con i fornitori, costituendo un soggetto di intermediazione importante nel mondo vacanziero”. “A tal proposto – ha continuato – è stata sottolineata la necessità di tutelare legalmente le agenzie di viaggio che rappresentano un anello importante per l’ attività intermediazione con il cliente finale nei rapporti con i terzi, specialmente con i fornitori. Per Albano è essenziale l’apertura dei corridoi sia per l’outgoing sia per l’incoming, visto che a Pasqua tutta la clientela tedesca è emigrata in Spagna, lasciando l’Italia “deserta” senza alcuna presenza turistica e pertanto privata di una prima importante chance per la ripresa del settore. In conclusione – ha detto Albano, “abbiamo auspicato una ripresa rapida del nostro comparto in totale collasso, puntando su 4 fattori fondamentali: erogazione di ristori per tutti gli operatori del turismo in maniera regolare, ripartenza, piano vaccinale e tutela del settore”.
“Colgo l’occasione – ha detto infine – per segnalare che, in linea con la nostra sensibilità da sempre evidenziata per le istanze del sociale, abbiamo istutuito – come associazione Advunite in partnership con Mayday Italia, organismo no profit – un centro d’ascolto per aiutare i titolari delle agenzie di viaggi in difficoltà. Abbiamo infatti assistito alla drammatica scomparsa di alcuni colleghi, emotivamente fragili, privi di qualunque capacità reattiva di fronte al verificarsi di una calamità di assoluta gravità come la pandemia. Al fine di sensibilizzare l’intero comparto abbiamo deciso di dedicare ai nostri cari colleghi scomparsi tragicamente, una serata napoletana che andrà in onda il 13 maggio alle 19 su Radio Vacanze e che avrà come scopo anche quello di una raccolta fondi, destinata ai familiari dei colleghi scomparsi”. L’incontro si è concluso con l’accordo comune di una costruttiva ripresa delle tematiche trattate da espletarsi nelle sedi opportune, per dare concretezza e continuità a quanto già discusso.