Agricoltura, Extrabio premia i migliori extravergine della Campania

57

Domani si terrà premiazione degli oli biologici della Campania. Lo comunica la Coldiretti Campania, che da dieci anni organizza con l’Assessoreto Regionale all’Agricoltura l’appuntamento con il meglio della produzione regionale. La cerimonia avrà inizio alle ore 11 presso la Camera di Commercio di Napoli, Sala Contrattazioni in corso Meridionale.

invito premio Extrabio e BiolabelInterverrà Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti campania e vicepresidente nazionale. Masiello consegnerà il premio Biolabel, riservato alla migliore etichetta, sia da un punto di vista esterico che funzionale. Proprio il tema della trasparenza nell’etichettatura dei prodotti è al centro delle battaglie di Coldiretti.
Prevista inoltre la presenza di Girolamo Pettrone, Commissario straordinario Camera di Commercio di Napoli, Filippo Diasco, direttore generale per le politiche agricole e forestali della Regione Campania, Maria Luisa Ambrosino, capo panel Camera di Commercio di Napoli, Raffaele Sacchi, professore di scienze e tecnologie alimentari dell’Università Federico II di Napoli, Giampaolo Parente, dirigente del servizio territoriale di Napoli della Regione Campania e Franco Alfieri, consigliere delegato all’Agricoltura della Regione Campania.

Le premiazioni previste sono: premio ExtraBio fruttato intenso, medio e leggero; menzioni di merito miglior frantoio; premio Biolabel miglior etichetta; menzione di merito Oli selezionati.

Torniamo a premiare i migliori oli extravergine biologici – spiega Masiello – dopo un anno di stop, dovuto alla produzione insufficiente del 2014. Un segnale di buon augurio per un prodotto agroalimentare di punta, ma non solo. Coldiretti è particolarmente fiera di questo concorso, che spinge un trend sempre più solido nelle abitudini di consumo. Non solo gli italiani scelgono prodotti certificati e rispettosi dell’ambiente. Una visione che Coldiretti propone da anni e che va di pari passo alla costruzione di filiere corte, a garanzia del reddito degli agricoltori e della salute dei consumatori“.

Il premio è riservato agli “operatori biologici” titolari di oli di oliva di categoria extra vergine ottenuti da olive prodotte nell’annata agraria corrente all’interno del territorio della regione Campania e certificate come “biologiche“. Ciascuna azienda potrà partecipare con un solo campione proveniente da un lotto omogeneo, non inferiore ai due quintali.