Agroalimentare, 600mila persone a Napoli per il Villaggio Coldiretti

180

Oltre seicentomila persone, in base alle valutazioni della questura, hanno visitato nei tre giorni del fine settimana il Villaggio Coldiretti a Napoli, che ha portato sul lungomare un chilometro e mezzo di mercati, cibo di strada contadino ed esposizioni ad hoc dove è stato possibile acquistare direttamente dagli agricoltori, anche terremotati, le eccellenze del made in Italy ma anche gustare piatti da gourmet con tutti i menu a prezzi contenuti preparati dagli agrichef. É il bilancio stilato dalla Coldiretti a conclusione della rassegna che ha ospitato quasi 400 stand tra mercati degli agricoltori, aree del gusto, street food, stalle, agriasili, fattorie didattiche, orti, antichi mestieri, pet therapy, agrichef, laboratori, trattori e nuove tecnologie e workshop, assieme a oltre diecimila agricoltori. Ma nella tre giorni si è anche arrivati a quota 2 milioni di firme per sostenere la candidatura della pizza all’Unesco, mentre sono state 5047 le specialità presentate per il nuovo censimento nazionale del patrimonio enogastronomico, in vista del 2018 anno internazionale del turismo italiano nel mondo. Curiosità e folla di visitatori anche per il più grande museo del falso e delle frodi a tavola allestito dalla Coldiretti, assieme all’Osservatorio sulla criminalità dell’agroalimentare, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Agenzia delle Dogane e Ispettorato repressione frodi (Icqrf). Nel week end del black friday, evidenzia la Coldiretti, è stata una corsa all’acquisto dei prodotti esposti in vendita dalle aziende agricole e all’assaggio delle specialità del Made in Italy al 100% offerte a 5 euro (un primo, un secondo e un dessert) ”per far vivere a tutti una esperienza da gourmet con le eccellenze italiane, cucinati dagli agrichef di Campagna Amica in collaborazione con i ragazzi dell’istituto Alberghiero “Striano Terzigno” di Napoli”. Pieno successo – prosegue la Coldiretti – si è registrato anche per gli acquisti dei prodotti esposti nei vari stands con forme di formaggio, salumi, prodotti ortofrutticoli e conserve. Molta attenzione alla solidarietà verso gli stand degli agricoltori delle aree colpite dal terremoto, con l’avvio della vendita dei cesti che si possono trovare anche sul sito www.campagnamica.it. Tra le varie aree la piu “gettonata” – rileva la Coldiretti – è stata sicuramente la fattoria degli animali. Decine di migliaia di bambini hanno invaso l’area riservata ai piccoli che nell’agriasilo e nella fattoria didattica. Per i giovani l’appuntamento clou è stato, invece, al Villaggio delle idee sul futuro dei cibi che l’agricoltura potrà assicurare con i mutamenti della societa’. “Il successo del Villaggio contadino a Napoli, capitale ideale della Dieta mediterranea, è la testimonianza dell’enorme crescita della sensibilità degli italiani vero stili di vita sani e in equilibrio con la natura per i quali l’agricoltura nazionale puo’ offrire i primati conquistati nella qualità, nella sostenibilità ambientale e nella sicurezza alimentare a livello europeo e mondiale” ha detto il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo.