Agroalimentare: a Napoli “Percorsi veraci”, masterclass per pizzaioli

57

Pizzaioli a lezione per affinare l’arte della pizza e soddisfare al meglio le esigenze dei propri clienti. Nascono con questo intento “I Percorsi Veraci”, masterclass ad alto tasso formativo per un’autentica full immersion sulla vera pizza napoletana prodotta e lavorata secondo le antiche tradizioni e usanze partenopee. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Verace Pizza Napoletana in collaborazione con il magazine ‘”Buona Tavola”. I corsi, aperti a pizzaioli professionisti affiliati e non all’Associazione, sono gratuiti ma a numero chiuso e prenderanno il via il 17 aprile per poi concludersi il 23 novembre. Tre i moduli in cui la masterclass si articola: ‘formaggi e salumi’ dedicato ai prodotti caseari; ‘prodotti della terra’ in cui l’attenzione sarà focalizzata sui metodi di coltivazione e tipicità passando dal pomodoro del piennolo del Vesuvio Dop al pomodoro corbarino, sui metodi di trasformazione dei pomodori pelati fino alle tecniche di conservazione e utilizzo delle materie prime surgelate e alle diverse tipologie di olio; ‘abbinamenti’ in cui saranno approfondite tecniche di degustazione e di abbinamento di vini bianchi e rossi e della birra con la pizza. ”Questa offerta formativa – spiega il presidente dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, Antonio Pace – è un ulteriore tassello al lavoro che dalla nostra costituzione stiamo portando avanti. Abbiamo capito che aprirsi a quanti vogliono imparare l’arte della pizza e il mestiere di pizzaiolo è il modo più utile per difendere l’originalità e pertanto puntare sulla formazione è fondamentale”. A tenere i corsi saranno esperti del settore, docenti universitari e produttori ma anche rinomati chef campani che realizzeranno show cooking al termine di ogni masterclass. All’iniziativa hanno aderito gli chef stellati Michelin Paolo Gramaglia, Lino Scarallo e Gianluca D’Agostino e lo chef docente del Gambero Rosso Alfonso Crisci. Con loro anche il vicepresidente regionale della Fic Ludovico D’Urso e Antonio Arfè del direttivo nazionale Apci.