Agroalimentare, scatta l’obbligo di origine per le conserve di pomodoro

120

Carta d’identità ben precisa dal 27 agosto per conserve e concentrato, sughi e salse composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro. A dettare le nuove condizioni commerciali è l’entrata in vigore dell’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine dei derivati del pomodoro attraverso un decreto interministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso febbraio. Il provvedimento, mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori- dicono gli operatori- nel momento dell’acquisto dall’inganno dei prodotti coltivati all’estero ed importati per essere spacciati come italiani, introduce la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per la pasta e per il riso e valida fino al 31 marzo 2020. Le nuove regole che, secondo Coldiretti, tolgono dall’anonimato tutte le coltivazioni di pomodoro made in Italy estese su circa 72 mila ettari da 8mila imprenditori agricoli e destinati a 120 industrie di trasformazione, prevedono per prima cosa “che le confezioni di derivati del pomodoro, sughi e salse prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta il nome del Paese nel quale il pomodoro viene coltivato e il nome del Paese in cui il pomodoro è stato trasformato”.
Nel garantire poi una massima trasparenza sulla produzione il decreto stabilisce che se le fasi di lavorazione “avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le diciture: Paesi Ue, Paesi non Ue, Paesi Ue e non Ue”. E’ sottolineato inoltre che “se tutte le operazioni avvengono in Italia si può utilizzare la dicitura Origine del pomodoro: Italia”. Viene infine precisato che “le indicazioni sull’origine dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili”.
In ultimo il ministero per le Politiche agricole, alimentare e forestali, nell’ambito del decreto entrato in vigore, ricorda che “l’82% degli italiani considera importante conoscere l’origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per i derivati del pomodoro”. Il dato è emerso dalla consultazione pubblica online sulla trasparenza delle informazioni in etichetta dei prodotti agroalimentari, si e’ svolta sul sito del Mipaaf e hanno partecipato oltre 26mila cittadini.