Agropoli, il telecronista: Quella donna-arbitro è inguardabile. L’Ordine dei giornalisti lo espelle

1003
In foto una donna arbitro

“E’ uno schifo, una cosa impresentabile per un campo di calcio”. E’ stata questa la reazione di Sergio Vessicchio, giornalista e telecronista della partita di calcio Agropoli-Sant’Agnello per l’emittente locale CanaleCinqueTv, alla vista della guardalinee Annalisa Moccia, della sezione di Nola. La “colpa” di Moccia, componente della terna arbitrale per la partita disputata ieri ad Agropoli (Salerno) e valida per il campionato di Eccellenza Campania Girone B, era semplicemente quella di essere una donna: “E’ uno schifo vedere le donne venire a fare gli arbitri in un campionato in cui le società spendono centinaia di migliaia di euro, è una barzelletta della Federazione una cosa del genere”, le parole di Vessicchio in un video che ha rapidamente trovato ampia diffusione sui social network, scatenando l’indignazione di molti. Immediata la reazione dell’Ordine dei Giornalisti della Campania: “Il giornalista di Agropoli che ha deriso in diretta durante una partita di calcio una donna assistente dell’arbitro è stato sospeso dall’Ordine dei giornalisti della Campania per precedenti atti grazie all’ottimo lavoro del nostro Consiglio di disciplina”, fa sapere il presidente dell’Odg Campania, Ottavio Lucarelli, aggiungendo che “ora su mio impulso scatta un ulteriore procedimento disciplinare per recidiva”, conclude Lucarelli.