Aias Avellino, lavoratori in sciopero della fame: Sos della Cgil

94

“La situazione alla Aias di Avellino ha ormai raggiunto i limiti di guardia. Da alcuni giorni quattro lavoratori sono in sciopero della fame e mettono in pericolo la loro vita. La protesta non ha sortito alcun effetto”. E’ quanto si legge in una lettera inviata da Cgil e Funzione Pubblica Cgil Campania al Prefetto di Avellino e al commissario ad acta per la sanità, Vincenzo De Luca. “I lavoratori – ricorda la Cgil – sono da dieci mesi senza stipendio, eppure hanno continuato a garantire quelli che sono a tutti gli effetti servizi pubblici essenziali. Per questo riteniamo inaccettabili i silenzi di tutte le istituzioni, prime fra tutte la Asl e la Regione Campania; per questo nel rilanciare con forza la necessità di una vera regolamentazione degli accreditamenti regionali, che parta dal rispetto dei diritti di lavoratori ed assistiti, chiediamo un autorevole intervento del prefetto di Avellino e del Presidente della Regione Campania nella sua duplice veste di responsabile della salute dei cittadini e di Commissario ad Acta, per scongiurare, oltre a gravissimi rischi per l’ordine pubblico, quello di eventuali e probabili rischi per la salute dei lavoratori in protesta”. “Di fronte a questa vera e propria mercificazione del lavoro e della dignità umana – conclude la lettera – la Cgil continuerà a fare la sua parte, sostenendo la lotta dei lavoratori e il diritto alla salute dei cittadini di Avellino fino a definitiva soluzione della vertenza”.