Al Girotonno trionfano chef della Lituania

39

Roma, 28 mag. (Labitalia) – L’esordiente Lituania trionfa al ‘Girotonno’, la kermesse internazionale che coinvolge gastronomi, chef di fama internazionale esperti di cucina del tonno, giornalisti ed esperti della gastronomia mediterranea che per quattro intensi giorni ha trasformato Carloforte, nell’isola di San Pietro, in Sardegna, nella ‘Capitale del tonno di qualità’, ossia il ‘tonno da corsa’ che viene pescato nella tonnara dell’isola nei giorni della manifestazione. Durante la rassegna, organizzata dal Comune di Carloforte in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Feedback di Palermo, e con il patrocinio di Sardegna Turismo e della Regione Sardegna, infatti, si rinnova l’antico rito della pesca del Tonno rosso – bluefin (Thonnus Thynnus).

Gli chef Arturas Samavicius e Tadas Gailiunas, di Vilnius, sono i vincitori assoluti della Tuna Competition, la gara che ha visto a confronto chef di otto paesi, Argentina, Francia, Giappone, Inghilterra, Italia, Russia e, per il primo anno, Lituania e Stati Uniti. Nella doppia sfida i portacolori del paese baltico con il piatto Tuna Trio – a base di tonno, ostriche, scalogno,radice di rafano,acetosella, aglio nero, mele e pomodoro ciliegino – hanno ottenuto un voto medio di 9,5 superando così la Russia, rappresentata dallo chef Eugenii Ivanov, che ha raccolto una media di 8,72 e gli Stati Uniti, in gara con gli altri chef esordienti Michael Filosa ed Elio Genualdo, piazzati al terzo posto con una media di 8,48.

A consegnare il premio ai vincitori è stato il sindaco di Carloforte, Salvatore Puggioni. La giuria tecnica formata da giornalisti ed esperti e presieduta dal giornalista Enzo Vizzari, direttore e curatore dal 2001 delle guide dell’Espresso ‘I Ristoranti d’Italia’ e ‘I Vini d’Italia’, ha definito così il piatto vincitore della Lituania: “Un piatto complesso, ben pensato e altrettanto ben realizzato, nel quale i pur numerosi elementi di contorno riescono a esaltare le straordinarie qualità organolettiche del tonno che, presentato in tre diverse preparazioni, emerge come vero protagonista del piatto”.

Il Premio speciale assegnato dalla giuria tecnica per l’originalità è andato agli chef dell’Inghilterra Aaron John Billington e Charles Pearce che hanno presentato un finto cannellone di cetriolo, tartare di tonno, emulsione di soia, avocado e riso soffiato con sashimi di tonno affumicato. Questa la motivazione della giuria: “Un piatto compiuto, una riuscita combinazione di sapori e consistenze: il tonno trattato in due diverse preparazioni, tartare e sashimi, efficacemente fra loro equilibrate dalla presenza di elementi vegetali (salicornia e germogli) e fruttati (mela verde)”. A consegnare il premio è stato il vicesindaco, Elisabetta Di Bernardo.

L’altro premio della giuria di esperti e giornalisti, il Premio per la miglior presentazione, è stato assegnato all’Argentina, rappresentata dagli chef Leandro De Seta e Fabrizio Cosso, con la seguente motivazione: “Un bel quadro di scuola ‘realista’, nel quale ben si distinguono, anche grazie alla nitidezza dei colori, i diversi elementi che lo compongono, giustapposti armonicamente per rendere attraente e appetibile il piatto”. Il piatto argentino presentato in gara è stato un filetto di tonno affumicato con bacche di ginepro, avocado, zucchine e vinaigrette alla cipollina. Il premio è stato consegnato dall’assessore comunale al Turismo, Aureliana Curcio.

Grande successo, poi, al Girotonno Live Show per il concerto del ‘diablo’ Piero Pelù, storico frontman dei Litfiba che ha infiammato il numeroso pubblico presente con i brani del suo Warm Up Tour, al debutto nazionale proprio nell’isola di San Pietro. Ad accompagnarlo sul palco i Bandidos (Giacomo Castellano alla chitarra, Luca Martelli alla batteria e a i cori e Ciccio Licausi al basso). A chiudere la notte di grande musica sotto le stelle è stata la band dall’anima sarda GolaSeca.