Albania, il rallentamento dell’economia preoccupa Camera di commercio italiana e Confindustria

54

La Camera di commercio italiana in Albania (Ccia) e Confindustria Albania, l’Associazione degli industriali italiani in Albania, si sono dette preoccupate del rallentamento dell’economia albanese. Il monito arriva nel contesto in cui il Pil nazionale, nel secondo trimestre è sceso a quota del 2,31 per cento, poco meno del precedente trimestre, nel quale secondo la revisione dei dati da parte dell’Istituto albanese delle statistiche la crescita sarebbe stata di 2,4 per cento. “Da qualche trimestre l’economia albanese non sta pertanto crescendo ad un ritmo che permetta di aumentare l’occupazione e di migliorare i redditi. Una crescita del 2,31 per cento non è da ritenersi soddisfacente, né sufficiente a generare nuovi posti di lavoro o rilanciare un ciclo economico virtuoso. Non solo la crescita si è quasi dimezzata rispetto alle stime del governo per l’anno in corso, ma risulta dimezzata anche se paragonata ai tassi di crescita del 2017 (4 per cento) e del 2018 (4,2 per cento)”, si legge nel comunicato congiunto della Ccia e Confindustria Albania.