Alessandro Sgambato nuovo direttore scientifico dell’Irccs Crob di Rionero in Vulture

1371
in foto Alessandro Sgambato

E’ arrivata la nomina del nuovo direttore scientifico dell’Irccs Crob di Rionero in Vulture. Si tratta di Alessandro Sgambato della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma. Il direttore generale dell’Istituto, Giovanni Battista Bochicchio, esprime in una nota viva soddisfazione per questa nomina ministeriale, che consentirà all’Irccs Crob “di affrontare con nuovo slancio le numerose sfide che lo attendono per i prossimi anni”. Originario di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Federico II (conseguita con lode e menzione per la carriera e per la tesi), Sgambato si specializza in oncologia con lode presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, dove consegue poi il dottorato di ricerca in oncologia integrata. Ha trascorso un periodo di 3 anni come Postdoctoral Research Scientist presso il Columbia-Presbyterian Comprehensive Cancer Center della Columbia University di New York, dove ha svolto attività di ricerca. E’ stato nominato Expert evaluator per la valutazione di progetti di ricerca presentati alla Comunità europea ed è revisore per la valutazione di progetti di ricerca per diversi enti sia nazionali che internazionali. Dal 2001 al 2008 ha svolto il ruolo di coordinatore del Laboratorio di oncologia molecolare del Crob, nell’ambito della collaborazione fra l’Istituto lucano e il Centro di ricerche oncologiche dell’Università Cattolica. Attualmente è ordinario all’Istituto di Patologia generale della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Cattolica, e direttore della Scuola di specializzazione in Patologia clinica e Biochimica clinica. “Nel porgere al professor Sgambato gli auguri per la sua nomina – commenta Bochicchio – auspichiamo che il nuovo direttore scientifico possa insediarsi nel più breve tempo possibile al fine di consentire alle attività scientifiche dell’Irccs Crob di procedere speditamente”.