Alis, il direttivo annuncia obiettivi e iniziative del 2019

104
In foto Guido Grimaldi, presidente di Alis

Si è riunito il 30 gennaio a Roma il consiglio direttivo di Alis, Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile. Il presidente Guido Grimaldi ha tenuto una relazione incentrata sui grandi obiettivi dell’associazione per l’anno in corso: tra i più importanti, lo sviluppo della rete associativa, la firma del contratto collettivo nazionale del lavoro, l’operatività del Trached Cover Alis, la costituzione di Alis Europe, l’implementazione del Cmr elettronico e sull’imminente stipula di un protocollo di intesa con il ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del Mare. Nel corso del direttivo sono stati ascoltati i coordinatori delle varie commissioni interne.
“Alis – dice Grimaldi – si aprirà e si impegnerà sempre più in Europa dove si individuano le linee guida delle politiche trasportistiche – ha continuato Guido Grimaldi- e a tale scopo abbiamo costituito Alis Europe, una costola dell’Associazione nata per rafforzare il ruolo e le azioni del nostro cluster a Bruxelles, nonché per assistere al meglio i processi di internazionalizzazione delle nostre associate ed allargare ad altre realtà europee l’ingresso in associazione. Diventerà sempre più intensa l’attività di lobbying che ci consentirà di implementare nel 2019 la nostra azione in sede comunitaria e, attraverso il servizio Legalis, le nostre iniziative in merito alle proposte legislative per il settore del trasporto, con particolare riferimento alle misure contenute nei Pacchetti Mobilità e nella modifica alla Direttiva 106/1992 in materia di trasporto combinato”
“Sempre in ambito organizzativo, stiamo passando già alla fase operativa del Tranched Cover Alis. Sono state definite le linee procedurali d’intesa con Medio Credito Centrale e Monte dei Paschi di Siena, e oggi in Consiglio sono intervenuti i delegati di Mcc per illustrarne le modalità di attuazione. L’Associazione, di intesa con le due banche, sta mettendo a punto le linee procedurali affinchè gli associati possano accedere al portafoglio, che avrà una dotazione iniziale di 110 milioni di Euro. E’ stata già attivata un’apposita casella mail – finance@alisservice.it – contestualmente ai quanto fruibile dal sito www.alis.it e attraverso l’App di Alis”.
“Grazie ad Alis Service – ha proseguito il Presidente – molti dei nostri associati hanno iniziato un periodo di test sperimentando così i vantaggi del Cmr elettronico: digitalizzazione, ottimizzazione dei costi, sburocratizzazione, efficientamento degli oneri amministrativi e tracciabilità della merce trasportata. Nei prossimi mesi allargheremo la rete di sperimentazione e proseguiremo l’attività per il riconoscimento giuridico di tale strumento”.
Uno dei punti su cui ha espresso la massima attenzione il presidente di Alis riguarda poi le iniziative in essere del Comitato Tecnico sul Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, avviando una partnership solida e strategica con lo studio legale Lablaw in persona degli avvocati Francesco Rotondi ed Alessandro Paone, presenti al consiglio. Lo stesso studio sarà partner per seguire tutti gli aspetti jus lavoristici riguardanti Alis ed i suoi associati.
“Quello del contratto collettivo nazionale del lavoro è un obiettivo centrale per l’associazione” – ha concluso Guido Grimaldi – bisogna prendere atto che la nostra Associazione è la realtà più rappresentativa in maniera trasversale e completa dell’intera filiera logistica e del trasporto, sia in termini di numeri che di forza aggregattiva, e pertanto non può rimanere estranea ai processi inerenti gli accordi sul mondo del lavoro”.