Alla Federico II un dottorato in tecnologie quantistiche Inaugurazione col premio Nobel James Leggett

164
Anthony James Leggett, premio Nobel per la fisica nel 2003

Sarà Anthony James Leggett, Premio Nobel per la Fisica 2003, a inaugurare il nuovo Dottorato in “Quantum Technologies”, ovvero in tecnologie quantistiche, giovedì 7 e venerdì 8 febbraio al Campus di Monte Sant’Angelo della Federico II. “Il nostro mondo macroscopico di tutti i giorni obbedisce alla meccanica quantistica” sara’ il tema del suo seminario che si svolgerà giovedi’ 7 febbraio, alle 15, nell’Aula Caianiello del Dipartimento di Fisica E. Pancini dell’Ateneo e sarà l’augurio per il dottorato. L’inaugurazione propria del corso di dottorato in Tecnologie Quantistiche si terrà venerdi’ 8 febbraio, alle 15, sempre nell’Aula Caianiello, alla presenza di Legget, di Gaetano Manfredi, rettore della Federico II, Piero Salatino, presidente Scuola Politecnica e Scienze di Base, e Leonardo Merola, direttore Dipartimento Fisica, nell’ambito dell’incontro “Philosophiae doctor in Quantum Technologie”. Il nuovo programma nasce dalla consapevolezza del bisogno di formazione interdisciplinare sulle varie piattaforme quantistiche e dal concetto che un dispositivo integrato quantistico ha funzionalità migliori della somma dei suoi componenti. Temi fondamentali saranno computazione, comunicazione e simulazione quantistica, sensori e metrologia, dall’hardware ai protocolli operativi, coprendo anche l’emergente campo delle interfacce quantistiche per dispositivi ibridi integrati. Il Dottorato nasce dallo sforzo congiunto delle Università di Napoli Federico II e di Camerino e del Consiglio Nazionale per la Ricerca (Cnr) e, in particolare, dei rettori Gaetano Manfredi e Claudio Pettinari e del presidente del Cnr Massimo Inguscio e si alimenta delle eccellenze che i ricercatori delle tre sedi hanno nelle diverse attività che afferiscono alle Quantum Technologies. L’impegno dell’Ateneo Federico II in questo settore non si limita al solo Dottorato, ma mira sia a valorizzare le competenze presenti nel Dipartimento di Fisica – che vanno dalla Superconduttività con la Scuola creata da Antonio Barone, all’Ottica classica e quantistica, che a favorire sinergie con i Dipartimenti di Ingegneria e di altre Scienze di Base, con gli enti di ricerca quali il Cnr o industrie specializzate in Quantum Technologies quali SeeQc.