All’Asl Napoli 1 si aumentavano lo stipendio fino a 30 mila €. Otto in arresto

176

Stipendi indebitamente maggiorati all’Asl Napoli 1 che finisce sotto la lente di ingrandimento della Procura partenopea: questa mattina il locale gruppo dei Carabinieri del Nas, coordinati dal Comandante Alessandro Cisternino, ha dato esecuzione a otto misure cautelari personali e patrimoniali nei confronti di altrettanti soggetti gravemente indiziati, in concorso tra loro, per i reati di corruzione, atti contrari ai doveri d’ufficio e truffa aggravata. In particolare tre degli otto indagati avrebbero inserito, nel software degli statini paga dei dipendenti dell’Asl, voci retributive fittizie per importi compresi tra i 3 e i 30mila euro. Emolumenti non dovuti che hanno determinato un danno complessivo di circa 340mila euro nelle casse dell’azienda.
A carico dei tre presunti responsabili principali dell’azione illecita, è stata emessa la misura cautelare dell’interdizione per un anno dai pubblici uffici congiuntamente all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria territorialmente competente. Sequestrati inoltre 290mila euro. Misura patrimoniale analoga (affiancata anche qui dall’obbligo di presentazione alla pg) è stata emessa nei confronti degli altri cinque indagati. Nell’ambito della stessa indagine disposti poi 10 ulteriori sequestri a carico di altrettante persone, coinvolte solo come beneficiarie, chiamate a restituire per equivalente la retribuzione che sarebbe stata percepita illecitamente.