Altaroma, talento made in Italy

47

Al via la Roma fashion week, dal 23 al 26 gennaio, nella Ex caserma Guido Reni nel quartiere Flaminio a Roma. La manifestazione è organizzata da Altaroma, l’istituzione della moda che continua ad affermarsi come propulsore dell’italianità delle lavorazioni, del sostegno dei talenti emergenti e dei valori del made in Italy. Ancora una volta Altaroma delinea la sua identità di piattaforma dello scouting della moda italiana, di “incubatore” di talenti made in Italy, come ricorda Silvia Venturini Fendi che ne è presidente.
Il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e dell’Agenzia ICE dimostra l’attenzione di Altaroma ai progetti di innovazione tecnologica, sostenibilità ed economia circolare, e soprattutto alla promozione internazionale. Con Lazio Innova ancora maggiore sarà il supporto all’autoimprenditorialità.
Tantissime le sfilate, i progetti e le iniziative culturali della fashion week.
SHOWCASE ROMA – 56 designer, 14 brand al giorno a rotazione che coniugano design e tradizione artigianale italiana. Tante le stratup caratterizzate da produzioni e materiali innovativi.
WHO IS ON NEXT? – progetto di scouting con Vogue Italia che negli anni ha portato al successo 150 giovani talenti di tradizione artigianale e di eccellenza made in Italy, nuovi rappresentanti dello stile italiano a livello internazionale.
Ancora si aggiunge una rassegna di stilisti del territorio capitolino, come Italo Marseglia, e per la prima volta Ginevra Odescalchi in mostra al Museo Andersen. Gli emergenti sfileranno nell’evento ROME IS MY RUNWAY.
Dalle accademie di Roma numerose iniziative, cui si aggiungono NABA e lo IED Italia, che presenta Amphibia, una rassegna di fashion film sul tema della sostenibilità realizzati dai suoi studenti.
Infine la Digital Fashion Night è dedicata alle nuove competenze e profili professionali del mondo della moda; Artisanal Intelligence è una piattaforma rivolta a identificare e promuovere le nuove espressioni artigianali e le nuove soluzioni produttive nel rispetto dell’ambiente; e una nuova serie di talk che sarà dedicata a startup, economia circolare e sostenibilità. Anche la moda inizia a tingersi di verde.