Amazzonia

17

L’allarme ambientale per l’Amazzonia merita attenzione perché riguarda tutto il mondo e investe la terra, l’acqua e l’aria.
Parliamo di deforestazione, erosione del suolo, danni agli ecosistemi, riduzione della biodiversità. Altri temi sono il cambiamento climatico, i danni allo strato di ozono, l’inquinamento urbano e le piogge acide.
Uno dei maggiori problemi ambientali è la deforestazione. Nella foresta amazzonica, in particolare, gli alberi vengono tagliati per fornire più terra per l’agricoltura. Questo minaccia la sopravvivenza di molte specie animali, per esempio il giaguaro. Nel Borneo e a Sumatra l’orangotango è minacciato per lo stesso motivo.
La deforestazione può anche portare all’erosione del suolo. Infatti, gli alberi stabilizzano il suolo con le loro radici, riducono l’intensità con cui le piogge colpiscono il terreno e lo aiutano a trattenere l’umidità. La deforestazione sui versanti delle colline e delle montagne può portare a inondazioni dal momento che l’acqua può scorrere senza ostacoli lungo i pendii, e può anche provocare disastrose colate di fango.
L’inquinamento dell’acqua si verifica attraverso il rilascio di rifiuti industriali derivanti, per esempio, dalle attività minerarie e di raffinazione dei metalli, nei torrenti e nei fiumi. Una varietà di metalli tossici può influenzare la vita acquatica e marina e può accumularsi nella catena alimentare, diventando una minaccia per gli esseri umani. Un’altra importante fonte di inquinamento dell’acqua è rappresentata dai fertilizzanti che dai terreni agricoli possono sfociare nei fiumi e nei laghi.
I nitrati e i fosfati, presenti nei fertilizzanti, ed essenziali per la crescita delle piante, possono anche promuovere la moltiplicazione incontrollata delle alghe nei laghi. Ciò riduce la qualità dell’acqua e i livelli di ossigeno e può uccidere i pesci.