Ambiente, 200 esperti a Napoli per il XXVII Congresso nazionale di Ecologia

210

A Napoli 200 esperti di ecologia si riuniranno per affrontare il nodo della ricerca ecologia: dal 12 al 15 settembre prossimi, si svolgerà priori a Napoli, il XXVII Congresso della Società italiana di Ecologia. Ambiente marino, terreste, fluviale, lacustre: tutto sarà passato al setaccio per il congresso, organizzato dalla Società Italiana di Ecologia, insieme con gli atenei della Campania, in un confronto dal titolo “La ricerca ecologica in un mondo che cambia”. Non mancherà il caso del Vesuvio, colpito questa estate da un vastissimo incendio. “La qualità del suolo cambia – spiega Anna De Marco, professoressa di Ecologia dell’Università Federico II di Napoli, esperta delle conseguenze del fuoco sul suolo – non solo nell’immediato, ma anche a lungo termine”. Occorrono, ha infatti fatto sapere, “fino a 20 anni dopo l’incendio” per il ripristino. “C’è una emissione di gas serra molto durevoli – sottolinea – fino a 20 anni dopo l’incendio”. “La natura deve fare il suo corso, ma incrementare e cercare di ristabilire una copertura vegetale idonea può aiutare a limitare danni – aggiunge – e nell’incrementare l’assorbimento emissioni, per trattenere carbonio”. Al congresso, organizzato dalla direttrice Giulia Maisto, al quale sono state invitate anche le istituzioni, prenderanno parte ecologisti provenienti da tutta Italia, ricercatori del Cnr, esperti della Federico II, dell’Università del Sannio e dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, gli Enti parco della Campania. “Gli ambienti verdi possono esser utilizzati come strumenti di monitoraggio – prosegue De Marco – perché seguono esattamente lo stato di salute dell’aria”. “Offriremo informazioni sugli strumenti che possono essere usati come monitoraggio della qualità del suolo oltre che dell’aria – non solo per la città di Napoli, ma anche per l’area di Caserta, giusto per fare qualche esempio. Toccherà poi agli enti deputati a farlo, individuare i percorsi giusti per gli ecosistemi”.