Ambiente, dopo gli incendi estivi l’Oasi Astroni riapre al pubblico

69

Riapre domani al pubblico l’oasi degli Astroni nella conca di Agnano, dopo le devastazioni e le distruzioni provocate dagli incendi estivi. Sarà visitabile solo il 30% dell’intero parco, in effetti il sentiero Natura, dove è posta la mostra dei dinosauri per una lunghezza di 5,5 km. Il placet all’apertura è arrivato oggi a seguito delle ultime verifiche effettuate sui percorsi da aprire dai responsabili del Wwf e dai tecnici della regione Campania. “Altre aree per il pubblico sarà possibile aprirle solo in primavera – ha annunciato il direttore del sito, Fabrizio Canonico -. Bisogna provvedere a mettere in sicurezza alcune zone ancora, verificare la stabilità dei costoni e in quali aree la vegetazione riprenderà”. I tempi di ripresa, comunque, si presentano lunghi, anche per la complessità dei lavori da svolgere. Redatto un dossier sugli interventi da effettuare per la messa in sicurezza del sito: la spesa prevista ammonta a circa 540 mila euro. Ci sono alberi compromessi dalle fiamme da abbattere, c’è da realizzare la messa in sicurezza dei costoni e la palificazione dei versanti maggiormente aggrediti dalle fiamme, c’è da sistemare lo stradello franato con doppia palificazione e che rimane interdetto al pubblico. Il dossier è stato inviato al Ministero dell’Ambiente, alla Regione Campania, alla Città Metropolitana ed ai comini di Napoli e Pozzuoli sul cui territorio insiste il sito degli Astroni. “Finora solo il comune di Pozzuoli ci ha fornito un supporto importante per effettuare i primi interventi – ha riferito Canonico -. Ci auguriamo che anche gli altri enti ci diano una mano per gli ulteriori interventi da svolgere per rivitalizzare l’oasi”.