Ambrosio (Upmc), la proteina Klotho preserva la salute del cervello

86

Roma, 20 set. (AdnKronos Salute) – “C’è un grosso interesse ad aumentare o mantenere i livelli della proteina Klotho perché é stato dimostrato che c’è una diretta relazione tra i livelli di questa proteina e la salute del cervello”. A dirlo all’AdnKronos Salute Fabrisia Ambrosio, direttore della Riabilitazione di Upmc International, in occasione del convegno ‘L’esercizio fisico per una salute globale’, tenutosi oggi a Roma.

Klotho, come la più giovane delle Parche che nell’antichità tessevano il destino dell’uomo, è la proteina che protegge i neuroni dal danno alla guaina mielinica. Ma Ambrosio non mette in luce solo questa virtù della proteina: spiega infatti che può migliorare le funzioni vascolari, promuovendo la vascolarità a livello tessutale; diminuire il rischio di tumori e migliorare le funzione dei mitocondri delle cellule staminali”. Inoltre, “sappiamo che l’esercizio fisico ha molti effetti simili a Klotho”, precisa la ricercatrice. Si tratta di una molecola in grado di potenziare le funzioni cognitive, già nota da alcuni anni per i suoi legami con la longevità.

“La proteina è presente nel nostro corpo e con l’aumentare dell’età il livello di proteina Klotho diminuisce, ma – sottolinea Ambrosio – la quantità di questa proteina è diversa in ogni persona e la dose può variare in relazione all’espressione genetica individuale”.