AmCham Italy, a Milano lunedì 24 l’assemblea annuale dei soci: si nomina il nuovo presidente

36
in foto Luca Arnaboldi

AmCham Italy – affiliata alla US Chamber of commerce di Washington, la Confindustria statunitense, della quale fanno parte oltre tre milioni di imprese – da 109 anni sviluppa e favorisce le relazioni economiche e culturali tra gli Stati Uniti d’America e l’Italia, promuovendo e tutelando gli interessi dei propri Associati nell’ambito dell’attività di business tra i due Paesi. L’Assemblea Annuale dei Soci rappresenta per AmCham Italy uno degli appuntamenti più importanti dell’anno, in occasione del quale viene approvato il bilancio e vengono elette le nuove cariche sociali. In questa occasione sarà nominato anche il nuovo Presidente, terminando il mandato dell’attuale Presidente in carica,  Luca Arnaboldi.  Ospiti d’onore il ministro dell’Economia e delle Finanze,  Giancarlo Giorgetti, Shawn Crowley, Deputy Chief of Mission U.S. Embassy in Italy e Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia. Si terrà lunedì 24 giugno a partire dalle ore 11.00, presso i Chiostri di San Barnaba, Salone degli Affreschi, Via San Barnaba 48 a Milano.

 Questa 109ª edizione, è stata organizzata grazie al contributo di 3M, American Global, Aon, Coca Cola Italia, Enel, Generali, Intesa Sanpaolo, Maschio Gaspardo, Medtronic, Mc Donald’s, Penske Automotive Italy, Petrone Group, Stack Infrastructure. Charity Partner dell’iniziativa la Fondazione per l’Infanzia Ronald McDonald che proprio quest’anno celebra i 25 anni di attività.
“Anche quest’anno AmCham Italy si è confermata in prima linea nell’offrire supporto ai propri Associati e nel continuare a mantenere saldo e indissolubile l’antico e fruttifero legame che ci unisce agli Stati Uniti d’America e al suo popolo – afferma Arnaboldi -. Nel corso del 2023 abbiamo raggiunto risultati straordinari, continuando a essere il punto di riferimento e i protagonisti degli interessi commerciali transatlantici nei nostri due Paesi. In particolare il focus dell’attività svolta, oltre che sulle tradizionali tematiche, si è concentrato particolarmente sulla rivoluzione determinata dall’avvento massivo dell’intelligenza artificiale e in generale sull’innovazione, non solo tecnologica e digitale. Ringrazio vivamente Tutti gli Associati per il costante e concreto sostegno così come le Istituzioni italiane e americane, sempre attive e presenti nel supportare i nostri sforzi. Il legame transatlantico, che celebriamo oggi insieme, è al centro dell’agenda politica italiana ed europea, è prezioso e va protetto ma anche coltivato per aprire nuovi canali di sviluppo economico e politiche condivise che consolidino il successo di un sistema basato su un mercato libero, competitivo, sostenibile e, non da ultimo, ancorato saldamente ai valori democratici”.