Amori proibiti, Dino Falconio ci conduce nella Napoli del ‘400

485

Dino Falconio è giunto al suo quarto romanzo, ma questa volta la penna l’ha condotto nella Napoli del ‘400. Il titolo è Del proibito amor. Dino Falconio è giunto al suo quarto romanzo, ma questa volta la penna l’ha condotto nella Napoli del ‘400. Il titolo è Del proibito amor. Storia napoletana del XV secolo, Grimaldi & C. Editori. Da un’intervista televisiva a Dino Falconio ci racconta la sintesi della sua ricerca storica. “Una storia che ha il sapore del proibito, come dice il titolo perché è una storia d’amore che si sviluppa nella Napoli del 400, nell’ambito dei castelli reali; Castel capuano e Maschio Angioino con una serie di protagonisti illustri Ferrante re di Napoli, figlio del grande Alfonso d’Aragona e la sorella Eleonora d’Aragona in sposa con il gelosissimo Duca di Sessa, Marino Marzano, e come si può vedere già la presenza degli aragonesi da un legame con l’isola d’Ischia. I bastardi. Ferdinando era definito Ferdinando il bastardo o Ferrante re di Napoli. Alfonso non ebbe figli dalla sua moglie ufficiale Maria di Castiglia, ma aveva una concubina, Gueraldona Carlino che amò come la sua vera compagna di vita, che gli dette tre figli. Il pettegolezzo storico vuole che Ferrante ebbe una relazione incestuosa con la sorella”. Falconio ci rivela che questo quarto romanzo, senza riferimenti umoristici, come siamo abituati a leggerlo, è nato quasi per caso, poiché mentre si stava concentrando alla stesura di un altro libro, che verrà pubblicato l’anno prossimo, la sua penna l’ha pilotato in una difficile ricerca nella storia di Napoli del ‘400. Come afferma Falconio “un periodo bellissimo che poi pone le premesse della storia del Mezzogiorno nella dialettica e direi nell’intesa tra il potere centrale della monarchia, e i feudatari e i baroni dando luogo quel dualismo che poi portò alla congiura dei baroni”. La penna di Dino Falconio con molta eleganza e delicatezza tratta un tema che facilmente potrebbe cadere nella volgarità e pettegolezzo. Il volume è arricchito dalle illustrazioni di Elvira Giannattasio, vivacissime e per la maggior con soggetto erotico. Grazie a questo piccolo volume, possiamo sentire vicini personaggi e vicende appartenenti a un periodo storico molto avvincente ma poco conosciuto, se non da qualche studioso della storia. Il libro è avvincente e scritto in modo chiaro e preciso, e ogni accadimento scritto e narrato è frutto della sua approfondita ricerca storica, per nulla semplice. Per chi volesse avvicinarsi e queste vicende e discuterne con l’autore, Dino Falconio presenterà Del proibito amor venerdì prossimo 5 novembre alle ore 18, presso la libreria Iocisto, Via Cimarosa n.20, Napoli. Con l’autore ne discuterà la prof.ssa Francesca Amirante, il reading sarà a cura di Aldo Spina. Falconio sarà anche ad Ascoli Piceno il 13 dicembre presso la sala conferenze della libreria Rinascita, piazza Roma 7, Ivana Manni presenterà l’autore mentre le letture saranno a cura di Pamela Olivieri, modererà l’incontro Valerio Rosa.