Anime perse, al via la mostra del fotoreporter Corelli con Sartoria Sociale e Sostenibile Palingen

282
in foto uno scatto della mostra del fotoreporter ravennate Giampiero Corelli, dal titolo "Anime perse – Donne, madri nelle carceri italiane"

Inaugura oggi, sabato 21 maggio 2022 (ore 17), al Complesso Monumentale di San Severo al Pendino, via Duomo 286, a Napoli la mostra Anime perse – Donne, madri nelle carceri italiane del fotoreporter ravennate Giampiero Corelli. La mostra raccoglie 45 immagini che fanno parte di un grande lavoro di fotoreportage realizzato da Corelli in numerose carceri italiane dal 2008 a oggi. Un progetto focalizzato sulle sezioni e carceri femminili, per cogliere la vita delle donne detenute ma anche delle addette di polizia penitenziaria, includendo anche chi le carceri le dirige. Un affondo in un mondo fatto di sofferenza, ma anche di tanta voglia di riscatto. Le donne colte dallo sguardo del fotografo ravennate sono spesso anche madri che si sono volute fare riprendere per dare una testimonianza forte della loro vita da recluse.
La mostra al Complesso Monumentale di San Severo al Pendino è organizzata in collaborazione con la Sartoria Sociale e Sostenibile Palingen, presente all’interno del carcere femminile di Pozzuoli con l’obiettivo di dare una seconda possibilità a donne in difficoltà e di recuperare tessuti altrimenti destinati allo scarto. Le donne detenute, regolarmente assunte e retribuite, hanno la possibilità di formarsi nell’arte della sartoria italiana, un modo per facilitare il loro reinserimento lavorativo al termine della pena detentiva.
L’obiettivo della mostra Anime perse – Donne, madri nelle carceri italiane è proprio quello di dare visibilità al lavoro svolto dalle donne detenute e di sensibilizzare circa l’importanza dell’inclusione sociale e della tutela dell’ambiente. L’importanza di generare impatto sociale in questo contesto si evince dall’analisi di alcuni dati. Si stima infatti che siano solo il 10% i casi di recidiva nei detenuti che hanno partecipato ad un programma lavorativo o di reinserimento.
Il reportage di Giampiero Corelli si basa su fotoreportage realizzati in tempi diversi in quasi tutte le carceri femminili italiane: un lavoro che si concluderà ad inizio estate 2022. Per il mese di settembre è già prevista una mostra a Ravenna che sarà la sintesi di un lungo percorso e che in seguito viaggerà in altre città italiane.
La mostra Anime perse – Donne, madri nelle carceri italiane, realizzata grazie alla concessione da parte del Comune di Napoli dello spazio espositivo, è a ingresso gratuito e sarà visitabile fino al 10 giugno. All’evento inaugurale di sabato 21 maggio interverranno, oltre al fotoreporter Giampiero Corelli e al co-fondatore di Palingen Marco Maria Mazio: Maria Luisa Palma, direttrice della Casa circondariale femminile di Pozzuoli; Luca Trapanese, assessore alle Politiche sociali del Comune di Napoli; Samuele Ciambriello, garante dei detenuti della Regione Campania. Condurrà la giornalista Rai Adriana Pannitteri.

L’evento
Durata della mostra: 21 maggio – 10 giugno
Orari: lunedì e martedì 9-14.30; mercoledì-sabato 9-18; domenica chiuso
Ingresso: gratuito.
Patrocinio: Comune di Napoli, Regione Campania, Garante Diritti dei Detenuti,
Camera di Commercio di Napoli, Consorzio Remis, Comitato Pari Opportunità
dell’Ordine degli Avvocati di Napoli – “Mostra Fotografica “Palingen Sartoria
Sociale”.
Sponsor: Input Data, Pio Monte della Misericordia, Fondazione Banco Napoli.

Giampiero Corelli
Giampiero Corelli lavora come fotoreporter da 35 anni. Collabora con diverse testate
giornalistiche e agenzie fotografiche tra le quali Il Resto del Carlino, Il Messaggero, La
Repubblica, Il Venerdì di Repubblica. Da sempre interessato alla dimensione femminile,
indagata attraverso la lente delle problematiche sociali, ha realizzato numerosi reportage
che si sono tradotti in mostre e pubblicazioni, tra le quali: Io non m’arrendo – Dieci storie di
donne badanti; Donne che non tremano: i volti e le storie de L’Aquila dopo il terremoto; Il
vento negli occhi, reportage sulle donne militari italiane impegnante nella missione militare
in Afghanistan; Tempi diversi, sulle suore di clausura; Data mi fu soave medicina, lavoro
fotografico realizzato all’interno di ospedali durante il primo lockdown per l ‘emergenza
Covid 19. Dal 2015 al 2021 ha portato avanti il progetto Dante esule – Percorso
contemporaneo nell’Italia di oggi. Dal 2008 svolge reportage nelle carceri italiane. Nel 2009
è uscito il primo libro dedicato all’argomento dal titolo La bellezza dentro – Donne e madri
nelle carceri italiane