Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori

42

Domani 17 ottobre, per le ore ore 10 e 16, sono indette due assemblee tra i lavoratori, a Piazzale Tecchio, nel quartiere Fuorigrtta. “L’Azienda – spiega Marco Sansone, dell’Unione sindacale di base della Campania  – oggi ha ripreso il conto alla rovescia per la scadenza della procedura di licenziamento collettivo per 223 persone e scadrà il 21 ottobre.  Abbiamo chiesto, alla luce della prossima convocazione in Comune per il 18 ottobre, una sospensione in attesa dell’esito comunale. L’Azienda fa sapere che ha rinviato l’incontro al giorno 20 ottobre, ma non intende fare retromarcia rispetto alla richiesta di sospensione. Il 21 ottobre, quindi, resta la scadenza naturale della procedura”. 
Intanto, stamattina, si è riunita in via Verdi, la commissione Infrastrutture e  trasporti, presieduta da Nino Simeone, con all’ordine del giorno una discussione sulla situazione  di Anm. All’incontro hanno partecipato l’assessore alle Infrastrutture,  Mario Calabrese, e l’amministratore unico dell’azienda, Ciro  Maglione, e sarà riconvocata subito dopo l’incontro previsto con i  sindacati per il prossimo mercoledì per discutere della questione  insieme alla commissione Bilancio. L’assessore Calabrese ribadice che “l’amministrazione comunale sta  lavorando, con l’azienda e i sindacati, sull’ipotesi di un percorso  che, a partire dal finanziamento pubblico del trasporto locale,  garantito da Regione ma anche, in modo cospicuo, dal Comune, consenta  di salvaguardare i posti di lavoro e di efficientare l’azienda;  accanto a misure urgenti per evitare il fallimento, nel medio-lungo  periodo servono azioni per rilanciare i trasporti in città, vera sfida  da affrontare, anche con una revisione dell’offerta da parte  dell’azienda che tenga conto dello sviluppo avvenuto in questi anni  del trasporto su ferro”. L’amministratore unico di Anm, Ciro Maglione, premettendo che è la  proprietà dell’azienda, e cioè il Comune, titolare della definizione  degli orizzonti strategici del trasporto in città, riferisce alla commissione di aver redatto e inviato all’amministrazione comunale una  “relazione sui primi tre mesi di gestione operativa dell’azienda nella  quale sono elencate le azioni urgenti messe in campo per  l’efficientamento e la riduzione dei costi”.