Anm, depositata la richiesta di concordato preventivo

116

L’Azienda Napoletana Mobilità ha provveduto questa mattina a depositare presso il Tribunale di Napoli la richiesta di concordato preventivo, ritenendo questa la soluzione più efficace oltre che obbligata per garantire la continuità dell’attività aziendale e del servizio di trasporto pubblico, per salvaguardare i livelli occupazionali. “L’Anm, dichiara l’Amministratore Unico Ciro Maglione, deve proseguire la sua missione di servizio pubblico essenziale. Fin dal mio insediamento, a giungo scorso, abbiamo per questo prioritario obiettivo attivato le necessarie leve organizzative e amministrative per traghettare l’azienda fuori dallo stato di crisi”. “Ciò nonostante, evidenzia Maglione, la grave crisi economico finanziaria, aggravata dalla mancanza di fondi destinati al trasporto pubblico locale, hanno fatto maturare in modo condiviso la decisione di ricorrere alla procedura concorsuale quale soluzione migliore. Ripartiamo da oggi più fiduciosi e in coerenza con gli indirizzi forniti dalla Proprietà, continuiamo a lavorare con la stessa determinazione e senza sosta per realizzare il definitivo risanamento e il rilancio concreto del trasporto pubblico a Napoli”. L’amministrazione comunale di Napoli, in seguito a questa decisione di chiedere il concordato preventivo, ha rinviato al 27 dicembre alle ore 17 l’incontro con i sindacati di Anm al quale parteciperà anche il sindaco Luigi de Magistris. La riunione si sarebbe dovuta svolgere nella serata di oggi. La decisione di rinviare il confronto è stata motivata dall’Amministrazione – come si legge nella missiva inviata a tutte le sigle sindacali – “a causa del protrarsi dei lavori del consiglio comunale”.