Annamaria Colao, Luigi Barrea e Sara Cacciapuoti: tre scienziati federiciani al G8 delle Diete Chetogeniche

319
in foto Annamaria Colao, Luigi Barrea e Sara Cacciapuoti

Un summit con ospiti nazionali ed internazionali quello del G8 delle Diete Chetogeniche che si svolgerà il 27 e 28 giugno 2023 a Roma. L’evento, unico nel suo genere, vedrà dibattere relatori e discussant sulle più recenti evidenze scientifiche relative all’applicazione delle diete chetogeniche in diverse aree cliniche. Saranno affrontati argomenti cruciali come il trattamento del diabete di tipo 2, dell’obesità, dell’infertilità, della sindrome dell’ovaio policistico, dello scompenso cardiaco, dell’epilessia farmaco-resistente e altre patologie caratterizzate da processi infiammatori.

Sono tre le personalità dell’Università Federico II di Napoli che parteciperanno alla III edizione del “G8 delle Diete Chetogeniche” di Roma. Un evento eccezionale che vedrà la partecipazione di medici e ricercatori specializzati che arrivano da tutta Italia su un percorso dietoterapico quale quello chetogenico che rappresenta sempre più una valida alternativa per contrastare tutte una serie di patologie che hanno alla base processi infiammatori spesso determinati dall’eccessiva utilizzazione di zuccheri nella nostra alimentazione.

CHI SONO
Annamaria Colao
– Presidente Società Italiana di Endocrinologia (SIE), Coordinatrice scientifica del G8 delle Diete Chetogeniche di Roma assieme al Prof Giovanni Spera e professoressa presso il Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia dell’Università Federico II, segnalata nella lista dei cento migliori scienziati italiani nel mondo, la professoressa divide l’elenco con Cavalli Sforza, Eco, Veronesi. A Vienna è stata eletta presidente della società degli endocrinologi europei e numerosi sono i progetti comunitari a partire ENET che ha accolto la rete messa in piedi da lei stessa con le eccellenze nel campo della cura dei tumori endocrini tra Federico II, Pascale, Ospedale dei Colli.
Dal 2019 ricopre il ruolo di Chairholder dalla Cattedra Unesco “Educazione alla Salute e allo sviluppo sostenibile” che promuove la salute della popolazione agendo sui fattori culturali, nutrizionali e ambientali.
Nel 2019 prima donna eletta Presidente della SIE – Società Italiana di Endocrinologia dall’anno di fondazione (1964) per il biennio 2021-2023.
Nel 2020 è stata la prima donna a ricevere il Geoffrey Harris Award 2020, premio per il miglior neuroendocrinologo d’Europa.

Luigi Barrea – Professore Associato in Scienze e Tecniche Dietetiche Applicate, UOC di Endocrinologia, A.O. Universitaria Policlinico Federico II, Napoli. Al Professor Barrea nel 2021 è è stato assegnato il più importante premio italiano per i giovani ricercatori nel campo endocrinologico e metabolico. Stiamo parlando del Premio SIE 40 della Società Italiana di Endocrinologia (SIE).

Nell’ambito del G8 delle Diete Chetogeniche di Roma parlerà di “terapia dietetica” per psoriasi ed acne. Barrea ricorda che la dieta chetogenica offre molteplici benefici nel trattamento della psoriasi, in particolare grazie alle sue proprietà antinfiammatorie. Tuttavia, va sottolineato che l’efficacia della dieta non si limita solo a questo aspetto. È importante considerare anche il ruolo dei farmaci utilizzati per il trattamento della psoriasi, molti dei quali sono liposolubili e tendono ad accumularsi nella massa grassa.

Quando una persona segue una dieta chetogenica e perde peso, si riduce l’accumulo di farmaci nella massa grassa, consentendo loro di agire in modo più efficace, anche a dosi minori. Questo è particolarmente rilevante considerando che la psoriasi stessa può causare un aumento di peso, sia a causa dell’infiammazione associata alla malattia, sia a causa dello stress che può indurre nei pazienti. Lo stress cronico può portare a un aumento dei livelli di cortisolo, noto come l’ormone dello stress, il quale contribuisce all’accumulo di grasso viscerale, che rappresenta un fattore di rischio significativo per la sindrome metabolica, inclusa il diabete, e le malattie cardiovascolari. Allo stesso tempo, lo stress può anche provocare una perdita di massa muscolare. Pertanto, la dieta chetogenica non solo riduce l’infiammazione associata alla psoriasi, ma può anche favorire la perdita di peso.

Il tema sarà approfondito nel contesto della III edizione del G8 delle Diete Chetogeniche assieme a:

Sara Cacciapuoti, Ricercatore di malattie cutanee e veneree, Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia, Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è autrice di oltre 30 pubblicazioni scientifiche su libri e riviste a carattere internazionale e nazionale.

DIRETTA STREAMING
Di questo e altro si parlerà durante la III edizione del G8 delle Diete Chetogeniche. L’incontro, pre-congressuale al Congresso nazionale della Società Italiana di Endocrinologia, si svolgerà con un selezionato pubblico in presenza, sarà trasmesso anche in diretta streaming.