Annie Ernaux torna a Napoli per un confronto all’Institut Francais

48
In foto Annie Ernaux

Annie Ernaux, è ritornata a Napoli l’ 11 e il 12 novembre 2021. La famosa scrittrice francese, tra i favoriti quest’anno per il Nobel per la Letteratura, è stata all’Institut français Napoli di via Crispi, 86 di cui il direttore presente il Console generale di Francia Laurent Buron  des Roziers, l’11 novembre alle ore 18 per un dialogo pubblico nell’ambito del  ciclo “Les conférences retrouvées” (Conferenze ritrovate). Hanno partecipato Anne-Solange Noble, Ed.Gallimard. Il 12 novembre, invece, alle ore 19.00 c’è stata la presentazione del film di Danielle Arbid “L’Amante russo”- (F – 2020 –Vo sott. it) tratto dal suo romanzo “Passion  Simple”.
“LES CONFÉRENCES RETROUVÉES” è un programma nato dal partenariato con il Dipartimento di Francese dell’Università Orientale di Napoli di cui gli studenti si sono impegnati nella trascrizione e traduzione in italiano delle conferenze pronunciate all’Institut français Napoli negli anni 1990 da autori tra cui Jacques Derrida, Julia Kristeva, Jacques Roubaud, Michel Tournier, Hector Bianciotti, Umberto Eco, Jean d’Ormesson e tanti altri.
Le due conferenze pronunciate a Napoli da Annie Ernaux nell’aprile 1997 avevano come tema: “salvare” e “capire”. Questi testi ritrovati saranno pubblicati, in francese e in italiano, sul sito internet www. Institutfrancais.it/napoli.
Nel 2022, il programma verrà ampliato grazie alla collaborazione dei dipartimenti di francese delle università Federico II e Parthenope.
Annie Ernaux è una scrittrice, insegnante e femminista francese, la cui brillante carriera letteraria è arricchita da molti e prestigiosi, premi. Soltanto Gli anni, le è valso il Prix Marguerite Duras, il Prix François Mauriac, il Prix de la langue française e il Premio Strega europeo del 2016.
La scrittrice nasce il 1° settembre 1940 e trascorre l’infanzia e l’adolescenza in un quartiere operaio di una cittadina della Normandia, Lillebonne in Francia. Studia all’Université de Rouen e in seguito ottiene l’abilitazione all’insegnamento in un liceo come insegnante di lettere moderne. Negli anni Settanta milita nel movimento femminista e collabora con “Le Monde” scrivendo articoli a sfondo politico. Sposata e divorziata, è madre di due figli. La sua carriera letteraria inizia nel 1974, quando pubblica il suo primo romanzo, e nel seguito le sono stati attribuiti, forse i più prestigiosi sono stati il premio Marguerite Yourcenar alla carriera. Tra i riconoscimenti che le sono stati devoluti  il premio Hemingway per la letteratura nel 2018. Fra le sue opere pubblicate in italiano : La Donna gelata (L’orma, 2021), L’Evento (L’orma, 2019), Una donna (L’orma, 2018), Memoria di ragazza (L’orma, 2017), L’Altra figlia (L’orma, 2016), Gli Anni (L’orma, 2015), Il Posto (L’orma, 2014), Passione Semplice (Rizzoli, 2013).
“Passion simple – L’Amante russo”: di Danielle Arbid con Laetitia Dosch, Sergei Polunin – (F 2020, 99’, vo sott.it.) è anche diventato un film ed è stato proiettato in presenza di Annie Ernaux & Emanuela Piovani distributore:  Hélène (Laetitia Dosch) è una docente universitaria e madre divorziata. Alexandre (Sergei Polunin) è un diplomatico russo sposato. I due si incontrano fuori Parigi per vivere la loro relazione impossibile. Nel corso di diversi mesi, il loro amore brucia e si consuma. Danielle Arbid, con intensità e sensualità, traduce in immagini l’erranza di una donna in preda al potere del desiderio. Il film, che ha avuto il label Cannes 2020, è l’adattamento del libro autobiografico di Annie Ernaux, che nel 1992 ha fatto scandalo per il suo timbro erotico e sovversivo. Annie Ernaux è stata lieta di rispondere alle domande intorno a un caffè l’11 novembre alle 16.30 presso il Grand’Hotel Parker’s (Corso Vitt. Emanuele ).