Anseb “Sui buoni pasto ipotesi normativa non condivisa e mal congegnata”

25

ROMA (ITALPRESS) – “Con stupore, abbiamo appreso dalle agenzie di stampa di un’ipotetica norma transitoria regolativa delle gare pubbliche inerenti il mercato dei servizi sostitutivi di mensa aziendale”. Lo afferma in una nota l’Associazione Nazionale Società Emettitrici Buoni Pasto.
“Il testo è ancora ignoto, se non al tavolo tecnico promosso dalla Vice Ministro, Laura Castelli, che inspiegabilmente è stato ristretto alle sole sigle della distribuzione organizzata e dei pubblici esercizi. Sarebbe stato opportuno allargare il tavolo, come più volte sostenuto da ANSEB, agli emettitori, che sono i soggetti che partecipano alle gare pubbliche, e ai lavoratori, fruitori dei buoni pasto e vittime dell’interruzione di servizio pubblico dello scorso 15 giugno – prosegue l’associazione -. Dalle sintesi giornalistiche, siamo venuti a conoscenza che il legame sconto-commissione dovrebbe essere superato – la qual cosa è stata sostenuta per prima da ANSEB sin dal suo inserimento nel Codice Appalti nel 2017 – e che dovrebbe essere introdotta una soglia ai criteri della gara, espediente tecnico che poteva da sempre essere immesso in lex specialis senza una modifica normativa a rischio anti-concorrenzialità”.
“Il buono pasto è il benefit preferito dai lavoratori secondo tutte le rilevazioni sul welfare aziendale: un servizio prezioso per una pausa pranzo sana e un aiuto al potere di acquisto dei lavoratori. Come emettitori, sino a ieri abbiamo partecipato a gare pubbliche impegnandoci a rispondere alle esigenze di risparmio della pubblica amministrazione, fornendo un prezioso servizio ai lavoratori, ai committenti e agli esercenti – conclude Anseb -. Mettiamo in luce che un mercato regolato come quello dei buoni pasto non può essere fatto oggetto di continue modifiche normative, per lo più non condivisa, parziali e mal congegnate”.

– foto agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).