Antonio Colandrea apre le danze, a Sant’Arpino la sua prima assoluta dello Schiaccianoci

264
In foto Antonio Colandrea e Christel Scaraglia (ph. Luigi Bilancio)

di Massimiliano Craus

Mancano pochi giorni alla prima assoluta de “Lo Schiaccianoci” di Antonio Colandrea, in scena il prossimo 17 dicembre al Teatro Lendi di Sant’Arpino. Il titolo per eccellenza del Natale, dunque, torna a fare capolino in Campania, accanto a quello del Teatro di San Carlo di Giuseppe Picone dal 21 dicembre ed a quello in scena il 10 gennaio al Teatro Politeama con il Ballet from Russia. E così sarà proprio Antonio Colandrea ad aprire le danze con il balletto tratto dalla penna di Hoffman e le musiche di Piotr Ilich Ciaikovskij, un titolo che lo stesso coreografo natio di Monte di Procida ma fiorentino d’adozione ha interpretato in tutti i ruoli nella sua lunga carriera al Maggio Danza della città gigliata. Con questo spettacolo commissionato da Campania Arte Danza di Annamaria Di Maio, Antonio Colandrea porterà in scena i crismi del suo intendere la danza, con uno sguardo rivolto alla tradizione classica per eccellenza ed un altro alle sperimentazioni ed alle contaminazioni. Una miscellanea di interventi, dunque, proprio come una matriosca dove scoprire di volta in volta il gusto e la mano del coreografo. Che mai come stavolta ha avuto mano libera per la realizzazione del suo “Lo Schiaccianoci”, fedelissimo alla tradizione musicale ma sfuggente ad ogni altra versione del passato e del presente, con una serie di manipolazioni nella coreografia e soprattutto nella regia. Grazie all’aiuto di Vincenzo Spinelli e delle sue video-proiezioni ho potuto realizzare il mio vero “Lo Schiaccianoci” – spiega il coreografo montese – dedicandolo al maestro Evgenij Polyakov ed alla partitura musicale di Zubin Metha. Sin da bambino avevo immaginato di poter ballare e di mettere mano alla regia di questo balletto, cambiando il ruolo di Drosselmayer con un paragone scomodo ma pertinente con il Rothbart di Rudolf Nureyev. E dunque, pur conservando il gusto classico ed il linguaggio neoclassico, qui il sistema registico e tecnico appare senz’altro molto più contemporaneo delle versioni in uso corrente de “Lo Schiaccianoci”. Del resto questo lavoro non poteva che essere frutto delle mie esperienze pregresse e del mio stesso gusto di ballerino e coreografo. Un lavoro commissionato da Campania Arte Danza, una delle associazioni più attive sul territorio con collaborazioni significative nel mondo della danza con l’ultimo capolavoro di Lev Ivanov e Piotr Ilich Ciaikovskij del 1892 ripreso quest’anno da Antonio Colandrea, istrionico volto della danza nazionale ed internazionale formato alla Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo di Napoli e con un lunghissimo corso al Maggio Musicale Fiorentino alla corte di due geni della danza e del balletto quali Karole Armitage ed appunto Evgenij Polyakov. Quell’esperienza mi ha davvero forgiato quale uomo ed artista – ammette Antonio Colandrea – e porto ogni giorno nel mio lavoro quegli insegnamenti. Ne “Lo Schiaccianoci” in scena al Teatro Lendi il prossimo 17 dicembre balleranno anche nove ballerine breakers, proprio a conferma dell’importanza delle contaminazioni artistiche e tecniche e della miscellanea di esperienze al servizio dei giovani talenti e del pubblico. Giovani talenti provenienti dagli ensemble della regione aderenti al progetto di Campania Arte Danza quali Non Solo Danza di Rossana Esposito, Spazio Danza di Annalisa Cernese, Arabesque Centro Danza di Manuela D’Amico, Elite della Danza di Caterina Lupoli, La Danse di Gabriella Cerasuolo, Le Cygne di Lucia del Giudice ed Arabesque di Annamaria Di Maio. Un sodalizio che dura da molti anni e che con questo “Lo Schiaccianoci” avvia un tour con la prima assoluta al Teatro Lendi di Sant’Arpino martedì 17 dicembre alle 20. Clara sarà interpretata da Christel Scaraglia mentre il principe Schiaccianoci sarà appannaggio di Alessandro Marasco con una Drosselmayer in rosa cucito addosso a Mariassunta Grieco con novanta elementi di corpo di ballo alle prove con il maestro Antonio Colandrea sin da settembre! Non ci resta che festeggiare il Natale con il primo cinematografico “Lo Schiaccianoci” in scena in regione.

In foto Alessandro Marasco e Christel Scaraglia (ph. Luigi Bilancio)
In foto: pas de deux Lo Schiaccianoci (ph. Luigi Bilancio)