Appalti grazie al clan dei casalesi, sei arresti. Sequestrato anche un palazzo in cui avrebbe dovuto sorgere una Rsa

60

Associazione per delinquere di tipo mafioso e concorso in associazione mafiosa, turbativa d’asta, corruzione, abuso d’ufficio e riciclaggio dei capitali illeciti. Questi i reati contestati a vario titolo ai 6 destinatari di misure cautelari emesse dal gip di Napoli nell’ambito di un’inchiesta della Dda partenopea, ed eseguite questa mattina dai Carabinieri del Comando provinciale di Caserta, dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Caserta e dal Nucleo Speciale Polizia Valutaria di Roma. Si tratta di 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 2 misure cautelari personali di natura interdittiva. Eseguito inoltre un decreto di sequestro preventivo di aziende e quote societarie per circa 15 milioni di euro. Le indagini riguardano Domenico Pagano, titolare della società Immobiliare Generale (oggetto di sequestro), ritenuto gravemente indiziato di essere inserito nel clan dei Casalesi avendo allacciato, fin dagli anni ’90, rapporti collusivi in particolare con Michele Zagaria e Giacomo Capoluongo, divenendo poi imprenditore di riferimento per la fazione Schiavone alla quale procurava stabili finanziamenti come quota sui lavori ottenuti grazie all’intervento del clan. A Pagano è stato anche sequestrato il cosiddetto “Palazzo delle Cento Persone” di Capua dove sarebbe dovuta sorgere una Rsa.  L’immobile, in passato pignorato ad Angela Iovene, moglie di Rodolfo Statuto (deceduto e già condannato con la cosiddetta sentenza Spartacus per concorso in associazione mafiosa), era stato acquistato, mediante una procedura esecutiva per l’importo di 1.455.129,50 euro dalla società immobiliare: nella compravendita in questione la fazione Schiavone aveva reinvestito la somma di 500mila euro.Altro destinatario della misura è Domenico Farina, ritenuto gravemente indiziato per concorso esterno in associazione di tipo mafioso, amministratore unico della Prisma Costruzioni Srl, società riconducibile al collaboratore di giustizia Francesco Zagaria, aggiudicataria di vari appalti pubblici con la connivenza di vari amministratori locali.