Appalti pulizia e ausiliariato scuole, stato agitazione per 17mila ex lsu

28

Roma, 21 ago. (Labitalia) – A poco meno di un mese dalla ripresa delle attività scolastiche i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti denunciano ancora una volta “la situazione di grave precarietà in cui versano i circa 17mila addetti ex lsu e dei cosiddetti appalti storici addetti ai servizi di pulizia, ausiliariato e di ripristino del decoro degli istituti scolastici” e proclamano “lo stato di agitazione di tutti i lavoratori del settore”.

In una nota congiunta trasmessa al ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, al ministro del Lavoro Luigi Di Maio, al dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane del Miur, alla commissione di Garanzia per l’attuazione dello sciopero nei servizi pubblici essenziali, nonché alle associazioni imprenditoriali e cooperative ed ai consorzi del settore, le tre sigle rivendicano l’attuazione dell’accordo quadro governativo sottoscritto il 4 novembre 2016.

L’intesa contemplava “un impegno specifico ad una soluzione stabile e di prospettiva alle problematiche sociali ed occupazionali dei lavoratori, che dopo vent’anni di continue di continue traversie hanno il diritto a vedersi riconosciuta la possibile stabilità di un posto di lavoro e uno stipendio dignitoso”.

Già lo scorso 22 giugno i sindacati, a pochi giorni dalla chiusura estiva delle scuole, avevano sollecitato un incontro ai dicasteri competenti denunciando i “comportamenti gravissimi e ormai non più sostenibili riscontrati nei Lotti 5 e 6” della convenzione Consip “messi in atto dalle imprese assegnatarie ed esecutrici dei servizi” oltre alle “diverse difficoltà in ordine al mantenimento in via continuativa delle attività lavorative sia per difetto di appostamento delle risorse alle scuole, sia per la gestione discutibile di molte imprese che approfittano della situazione”.

Nella missiva Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UIltrasporti evidenziano inoltre “la necessità di riprendere il confronto ad un tavolo politico in grado di assicurare risposte concrete alle lavoratrici ed ai lavoratori ex lsu e appalti storici per l’immediato ed in prospettiva futura ritenendo grave ed inaccettabile l’assenza di risposte e soluzioni positive e la mancata convocazione” del confronto richiesto.

Per la Fisascat Cisl non è più rinviabile l’attivazione del tavolo di confronto volto alla definizione di una soluzione idonea. “E’ necessario che il Governo e i dicasteri competenti dell’Istruzione e del Lavoro, nel rispetto delle norme e degli accordi governativi, confermino che qualunque processo, compresa l’internalizzazione dei servizi di pulizia nelle scuole annunciata nei mesi scorsi, contempli in modo inequivocabile la continuità occupazionale e di reddito di tutti i 17mila lavoratori impiegati nei servizi in appalto di pulizia, ausiliariato e di ripristino del decoro delle scuole che da oltre 20 anni versano in uno stato di precarietà”, ha dichiarato il segretario nazionale della categoria cislina, Fabrizio Ferrari.

“L’annosa vertenza -ha aggiunto il segretario generale della Fisascat Cisl, Davide Guarini- che vede i sindacati da anni impegnati nel tentativo di assicurare la continuità occupazionale e del reddito dei 17mila ex lsu e degli appalti storici, nonché la destinazione delle risorse in Finanziaria non sfugga all’attenzione dei ministri Di Maio e Bussetti”.

“La dignità del lavoro e della persona -ha sottolineato il sindacalista- passa anche dalla stabilizzazione dell’occupazione e del reddito di migliaia di addetti che da anni vivono in uno stato di incertezza assoluta sul proprio futuro lavorativo”.