Aprire un negozio di telefonia e riparazione in franchising conviene davvero?

846

È molto facile notare come il mercato degli smartphone è in continua crescita e aumenta i margini di profitto di tutte le attività del settore legate a questo mondo tecnologico in continua evoluzione.

In questo momento, aprire un negozio di telefonia e di riparazioni cellulari è la scelta di business più redditizia e funzionale. Gli smartphone sono costruiti con materiali differenti e sempre più pregiati, con funzioni e tecnologie evolute e sono immessi sul mercato a prezzi sempre più alti. Tutto questo spinge i consumatori ad acquistare un nuovo smartphone e a correre dai centri di riparazione quando ci sono problemi di software, batteria o estetici.

Visto i costi elevati, sono sempre più le persone che preferiscono riparare uno smartphone costoso e questo pensiero è il pensiero di base dei neo imprenditori che scelgono di affidarsi ad un franchising telefonia e di offrire servizi di assistenza e riparazione ai consumatori.

Come aprire un negozio di telefonia e riparazione di successo

Il mercato della telefonia è pieno di competitors che si sfidano ogni giorno con offerte, servizi esclusivi e ultime novità. In questo campo, aprire un negozio in totale autonomia è molto difficile e rischioso. Per questo motivo è conveniente scegliere la soluzione in franchising migliore, che permette di appoggiare la propria attività ad un marchio già noto al pubblico e con molta visibilità.

Il settore della telefonia in franchising si evolve insieme ai produttori di smartphone e permette di offrire in modo tempestivo dei servizi nuovi ed esclusivi ai consumatori. L’affiliazione in franchising permette agli affiliati di acquisire il potere commerciale del marchio e di acquisire i rapporti con i fornitori.

Un negozio di telefonia di successo non si limita alla vendita di smartphone, ma amplia l’offerta dei prodotti anche agli accessori, alla personalizzazione, al ritiro dei telefoni usati e alla vendita di telefoni ricondizionati. Tutti questi servizi possono essere inseriti o meno nel contratto di affiliazione con il franchisor, in base al modello di business utilizzato dallo stesso.

Iter burocratico e requisiti necessari

Non sono necessari dei requisiti particolari per aprire un negozio di telefonia in franchising e non è obbligatoria l’esperienza pregressa, tuttavia è consigliabile avere acquisito delle competenze tecnologiche e nelle relazioni con il pubblico, perché agevolano il lavoro dopo l’apertura del negozio e permettono di guadagnare facilmente.

L’iter burocratico per l’apertura di un negozio di telefonia in franchising comprende l’apertura della partita Iva, l’iscrizione al registro delle imprese, l’apertura delle posizioni INPS ed INAIL, la comunicazione al comune di inizio attività, la richiesta del permesso per l’insegna e la stipula di un contratto di assicurazione per eventuali furti, incendi e danni accidentali.

Quali sono i guadagni di un negozio di telefonia?

Secondo le statistiche, un negozio di telefonia che vende esclusivamente smartphone e telefoni ha un margine di guadagno di appena il 25%. La vera fonte di guadagno dei negozi di telefonia sono i servizi diversificati come la personalizzazione delle cover, le riparazioni, l’assistenza, la vendita di accessori, il ritiro dell’usato e la possibilità di vendere degli smartphone ricondizionati. Tutti questi servizi aumentano in modo incredibile il margine di guadagno di un negozio di telefonia.

L’apertura in franchising di un’attività legata al settore della telefonia permette l’accesso a prezzi di fornitura molto vantaggiosi che, insieme all’utilizzo di un marchio noto e del suo potere commerciale, assicura il successo ai neo imprenditori.

La riduzione del costo di investimento con l’affiliazione in franchising è incredibile, a partire da 5mila euro è possibile aprire un piccolo negozio di telefonia, a differenza del costo di investimento di un negozio indipendente che varia tra i 30mila e i 40mila euro.