Arco Felice fa il pieno: 550 milioni in due anni

79

Un esempio virtuoso di capitali stranieri che affluiscono in Campania. È di questi giorni la notizia dell’ultimo accordo, in ordine di tempo, chiuso dalla multinazionale milanese Prysmian: 90 milioni di euro Un esempio virtuoso di capitali stranieri che affluiscono in Campania. È di questi giorni la notizia dell’ultimo accordo, in ordine di tempo, chiuso dalla multinazionale milanese Prysmian: 90 milioni di euro per la fornitura di cavi elettrici sottomarini da utilizzare nelle Filippine. Il committente è la Ngcp, principale operatore nel settore della distribuzione di energia elettrica presso il Paese asiatico, che utilizzerà i cavi prodotti dalla Prysmian per collegare gli impianti delle isole di Negros e Panay. Tutta la produzione sarà concentrata presso lo stabilimento di Arco Felice a Pozzuoli, in provincia di Napoli. Con questa ultima commessa, la cui consegna è prevista per il 2016, Prysmian porta in dote all’impianto campano mezzo miliardo di euro nel giro di due anni. Ma, soprattutto, rende un servizio inestimabile, in termini di pubblicità sui mercati internazionali, alla manifattura industriale della regione. Andando a ritroso nel tempo ecco i principali accordi dell’ultimo biennio: 350 milioni di euro con la francese Alstom Grid per il progetto di interconnessione DolWin3, che prevede il collegamento di parchi eolici offshore situati nel Mare del Nord alla terraferma tedesca; 50 milioni di euro per il collegamento del parco eolico Owp Deutsche Bucht, committente il principale operatore delle reti elettriche di Germania e Olanda, la Tennet; 45 milioni di euro con britannica Jersey Electricity, relativo all’interconnessione “Normandie 3” che porterà energia elettrica dalla Francia all’isola di Jersey nel Canale della Manica. Il sito di Arco Felice si segnale per qualità delle produzioni e rispetto dei tempi di consegna. Il legame con la Campania è particolarmente solido: la multinazionale, infatti, possiede un secondo stabilimento a Pignataro Maggiore, in provincia di Caserta, e si avvale della partnership dell’azienda Fibre Ottiche Sud di Battipaglia (Salerno) per il mercato delle telecomunicazioni.