Aree di crisi, Pignetti (Asi Caserta): Dalla Regione provvedimento fondamentale per il territorio

59
“Il provvedimento varato oggi dalla Giunta Regionale della Campania pone le premesse per inaugurare una nuova, grande stagione di investimenti a sostegno dello sviluppo del nostro tessuto produttivo. Un processo che vedrà coinvolta una fetta importante dei nostri agglomerati industriali a cominciare da quello di Marcianise.”
Questo il commento della presidente di Asi Caserta, Raffaela Pignetti,  che non ha nascosto la grande soddisfazione per  la delibera con cui la Giunta presieduta da Vincenzo de Luca ha individuato le aree di crisi industriale da proporre  al Ministero dello sviluppo Economico, per l’ammissione alle agevolazioni di cui alla legge n.181/89, volte a sostenere programmi di investimento per la riqualificazione produttiva dei territori colpiti dalla crisi. 
Sulla base dei criteri dettati dalla normativa nazionale e facendo riferimento al provvedimento con cui l’Amministrazione Regionale ha già definito le aree di crisi non complessa – peraltro già recepite dal Governo e oggetto di un accordo di programma quadro che ha fornito agevolazioni pari a circa 150 mln per investimenti in Campania – sono state individuate le tre macroaree di crisi complessa a livello regionale.  
Tra queste, rientra anche l’area industriale di Marcianise  nonché quella compresa nei comuni limitrofi. 
Con questo provvedimento, la Regione potrà concordare con il Governo l’impiego delle risorse finanziarie previste per gli investimenti nelle aree individuate e l’attivazione degli strumenti a copertura dei lavoratori delle aziende in crisi.
“Queste risorse – ha sottolineato ancora la Presidente di Asi Caserta – potranno contribuire in maniera decisiva a lenire le ricadute economiche e occupazionali di questa lunghissima crisi e ad  aprire nuove spiragli per il mercato del lavoro. La Giunta De Luca  ha posto un nuovo importante tassello per la crescita della Campania che già oggi, secondo le stime più recenti, risulta tra le più sostenute a livello nazionale”.